What’s New in Italy
Coldiretti e Filiera Italia: aperture ristoranti fino alle 22

Coldiretti e Filiera Italia: aperture ristoranti fino alle 22

In questo modo di salvaguarderebbe l'80 per cento dei fatturati di ristoranti, pizzerie e agriturismi, che nel 2020 hanno perso 9,6 miliardi a causa delle chiusure

Se l’orario di chiusura di ristoranti e bar venisse posticipato dalle 18 alle 22, si salverebbe l’80 per cento del fatturato degli stessi ristoranti, delle pizzerie e degli agriturismi, provati dalla lunga pandemia. Vino e cibi invenduti, a causa delle chiusure forzate, ammontano a 9,6 miliardi nel 2020.

Lo fanno sapere il presidente nazionale di Coldiretti Ettore Prandini e il consigliere delegato di Filiera Italia Luigi Scordamaglia: “Chiediamo che ristoranti e attività assimilabili possano svolgere la loro attività fino alle 22”, come richiesto anche dal governatore della Regione Lombardia Attilio Fontana e dall’assessore lombardo allo Sviluppo Economico Guido Guidesi nella lettera formale spedita al Governo.

Visto l’aumentare della vaccinazioni, Coldiretti e Filiera Italia ritengono corretto consentire ai ristoranti delle zone gialle che dimostrano di rispettare rigidamente i requisiti previsti di tenere aperte le saracinesche fino all’orario d’inizio del coprifuoco, ossia le 22. “Anche alla luce delle importanti misure di sicurezza adottate, quali il distanziamento dei posti a sedere facilmente verificabile, il numero strettamente limitato e controllabile degli accessi, la registrazione dei nominativi di ciascun cliente ammesso”.

“Con tale possibilità limitata ai locali di ristorazione con servizio al tavolo, si coniugherebbero tutela della salute dei cittadini e ripresa dell’attività economica e lavorativa dell’intera filiera agroalimentare italiana, cui sono collegati circa 4 milioni di lavoratori”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *