What’s New in Italy
Olio d’oliva: 8 italiani su 10 scelgono l’extravergine

Olio d’oliva: 8 italiani su 10 scelgono l’extravergine

Vengono privilegiate le Dop e Igp che, negli ultimi cinque anni, hanno fatto segnare un forte aumento sia per il consumo sia per le esportazioni

L’80 per cento degli italiani acquista olio extravergine d’oliva, prediligendo Dop e Igp che registano, nell’ultimo quinquennio, un aumento forte sia nel consumo sia nelle esportazioni. I dati arrivano dal Centro studi di Italia Olivicola, che ha elaborato le cifre provenienti dall’Icqrf, dal Sian, da Ismea, dal Crea e da Fondazione Qualivita.

Il valore al consumo annuo degli oli extravergine d’oliva di qualità in Italia è salito in media a quasi 150 milioni, in crescita del 28% negli ultimi cinque anni. Le esportazioni, che riguardano metà della produzione nazionale, nello stesso periodo sono schizzare del 55 per cento, da 40 a 62 milioni di euro.

Sempre secondo la ricerca, i 42 Dop e i 7 Igp rappresentano il 40 per cento di Dop e Igtp in Europa, a seguire ci sono Grecia e Spagna con 29 riconoscimenti per ognuno. La Dop Terra di Bari (5 mila tonnellate prodotte all’anno), l’Igp toscano (2.500 tonnellate) e la Dop Val di Mazara (1.200 tonnellate) sono le tre denominazioni principali.

Tra le più di 500 varietà di oli italiani, una decina rappresentano il 70 per cento della produzione nazionale. Le più rappresentative sono la Coratina, l’Ogliarola e la Peranzana in Puglia, la Carolea in Calabria, la Nocellara e la Biancolilla in Sicilia, l’Itrana nel Lazio, la Frantoio e la Leccino nelle regioni centrali come Toscana, Umbria, Marche e Abruzzo, la Taggiasca in Liguria. In deciso aumento, con oltre 1,3 milioni di piante vendute dal 2017 al 2020, anche la Fs17-Favolosa.

“I dati testimoniano come la qualità sia la strada giusta per valorizzare il nostro prodotto e conservare la grande tradizione olivicola italiana – spiega il presidente di Italia Olivicola, Fabrizio Pini – Abbiamo il dovere di scommettere certamente sul futuro, puntando ad aumentare le produzioni di qualità e conservando il nostro grande patrimonio di cultivar che rappresenta un fiore all’occhiello per il nostro Paese”.

“Con le festività natalizie alle porte, naturalmente, l’invito è quello di acquistare l’olio extravergine d’oliva di qualità Dop, Igp, 100% italiano dei produttori per regalare e regalarsi un’esperienza di gusto unica e inimitabile – conclude Pini – Ogni olio di qualità ha caratteristiche differenti, non c’è migliore occasione per scoprirli tutti e abbinarli ai piatti della tradizione italiana”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *