What’s New in Italy
Imprese bio italiane: crescono quelle assicurate dai rischi meteo

Imprese bio italiane: crescono quelle assicurate dai rischi meteo

Negli ultimi due anni c'è stato un aumento dell'89 per cento nel numero di aziende biologiche, il 6,3 per cento ha stipulato una polizza agevolata

Con un aumento dell’89 per cento negli ultimi due anni (quasi 3.700 nel 2018), ora per le aziende biologiche italiane è corsa alle polizze che assicurino dai rischi del meteo. Il dato arriva dal Rapporto sulla gestione del rischio nell’agricoltura biologica, stilato dall’Ismea e che per la prima volta diffonde statistiche sul tema. Sono quasi 59 mila le aziende bio italiane e il 6,3 per cento si è assicurata.

Chi decide per la polizza ha quasi 19 mila ettari e un valore della produzione assicurata di circa 107 mila euro. Oltre al numero delle aziende, è aumentato anche il valore assicurato, ora di 395,6 milioni di euro contro i 196,7 milioni del 2016 (+101 per cento), così come i premi versati alle compagnie assicurative (31 milioni di euro e oltre, +141 per cento). Il Nord ha la più alta incidenza per valori assicurati (69,4 per cento), al Centro siamo al 17,5 per cento e al Sud al 13,1 per cento. Davanti a tutti c’è il Veneto, quindi l’Emilia Romagna, il Trentino Alto Adige e la Lombardia. Al quinto posto la prima regione del Centro, la Toscana, il Sud propone la Puglia al settimo posto.

I valori più alti assicurati riguardano uva da vino, mele e riso. Ma non sono trascurabili i numeri per i prodotti da industria, pere, soia, frumento tenero e mais. Solo il 3,5 per cento della superficie è oggetto di polizza assicurativa, in Sicilia siamo appena allo 0,4 per cento della superficie bio, in Puglia all’1,4 per cento, in Lombardia si arriva al 24,7 per cento e il Veneto al 15,6 per cento.

Tag utilizzati:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *