What’s New in Italy
Arachidi: nata la prima filiera Made in Italy

Arachidi: nata la prima filiera Made in Italy

Accordo tra Coldiretti, Noberasco, Filiera agricola Italiana spa e Società italiana sementi del gruppo agroindustriale Bonifiche Ferraresi

È nata la prima filiera nazionale dell’arachide, dal seme allo scaffale, grazie all’iniziativa di Coldiretti con Filiera agricola italiana spa, Noberasco (società ligure leader in Italia per la frutta secca e disidratata) e la Società italiana sementi del gruppo agroindustriale Bonifiche Ferraresi.

Una necessità, questa, in virtù della crescente richiesta di prodotti italiani, salutari e sostenibili. Negli ultimi dieci anni, è raddoppiato il consumo di arachidi, mandorle, noci e nocciole: +7,3 per cento nel primo semestre di quest’anno rispetto al 2019 (dai Ismea). L’obiettivo della filiera, nei prossimi anni, è di riattivare una coltivazione che copra 30 mila ettari sul territorio.

Il seme dell’arachide italiana è più piccolo, scuro e dal gusto originale rispetto a quelle tradizionali. Viene depositato nei campi ad aprile per poi passare alla raccolta verso metà-fine settembre. Servono terreni di torba, con temperature alte e molte ore di luce. La regione che, per queste caratteristiche, ha visto svilupparsi maggiormente la coltivazione di arachidi è l’Emilia Romagna, in particolare la zona di Ferrara.

Mauro Tonello, presidente di Sis, dice al Sole24Ore: “Oggi siamo orgogliosi di annunciare la nascita della filiera dell’arachide italiana che ritorna sul mercato dopo quasi 50 anni persa nel tempo perché ritenuta non conveniente. Far rinascere una filiera significa far ripartire un insieme di competenze, know-how, investimenti in ambito agricolo, industriale e di ricerca applicata fondamentale in un contesto di ripresa economica”.

Mattia Noberasco, ad dell’azienda omonima, aggiunge: “Quello che presentiamo oggi non è solo il lancio di un prodotto decisamente rivoluzionario per l’agrifood come l’arachide italiana, ma un progetto che unisce innovazione, qualità, trasparenza e forte impegno a investire sul territorio per creare una linea di prodotti 100 per cento Made in Italy”.

Tag utilizzati:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *