What’s New in Italy
Covid-19, Unicredit: settore vitivinicolo giù del 30 – 35% nel 2020

Covid-19, Unicredit: settore vitivinicolo giù del 30 – 35% nel 2020

Considerata la solidità delle aziende del settore e la qualità del prodotto, già nel 2021 ci sarà una ripresa del comparto del vino Made in Italy

Un calo del 30 – 35 per cento del settore vitivinicolo italiano a causa del covid-19. È la previsione, per il 2020, che arriva da uno studio Unicredit, presentato durante la tappa piemontese di The Italian Way, roadmap virtuale. Vista la solidità delle aziende e la qualità del prodotto, però, il settore dovrebbe riprendere a crescere nel 2021.

L’incontro, organizzato dall’istituto di credito insieme a Federvini, ha visto la partecipazione di esperti e operatori del settore italiano del wine. L’indagine Unicredit si basa su dati Cerved. Ed evidenzia come, con oltre 13 miliardi, l’industria del vino contribuisca al fatturato totale del Food&Beverage, per più del 10 per cento, dimostrandosi uno dei settori d’eccellenza del Made in Italy.

Ed effettivamente l’Italia è sempre tra i principali produttori al mondo di vino, il secondo esportatore in valore dopo la Francia, ma con il maggior numero di ‘bottiglie’ certificate (ben 526 contro i 435 della Francia). Come dire che nel nostro Paese, negli anni, si è puntato tantissimo sulla qualità dei vini per un investimento che dà ottimi risultati.

Tag utilizzati:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *