What’s New in Italy
Umbria: tutti a caccia del tartufo estivo

Umbria: tutti a caccia del tartufo estivo

E' iniziata la stagione per la ricerca dello scorzone, più di 2 mila insieme ai cani cercano quello migliore, la trifola. In Alta Umbria, forte la rappresentanza femminile

Anche per il tartufo è iniziata la fase 2. I cavatori, che sono più di 2 mila tra Gubbio e Città di Castello, in Umbria sono tornati all’opera alla ricerca del tartufo nero estivo, aiutati dai loro fedelissimi amici a quattro zampe. Pratica possibile fino alla fine di agosto. A cui seguirà un breve stop, prima del via libera alla ricerca del pregiatissimo tartufo bianco.

Oltre agli uomini, sono numerose anche le donne che si cimentano nell’impresa. Come la 44enne Elisa Ioni, laurea in sociologia, appassionata di turismo e promozione del territorio, dal 2007 responsabile commerciale di un’azienda nota nel settore della raccolta, della lavorazione e della distribuzione a livello internazionale. Ribattezzata ‘lady trifola’, in Alta Umbria guida il piccolo esercito di lavoratrici in rosa, anche loro impegnate nella ricerca dello scorzone estivo.

Lady Trifola, insieme al maestro e imprenditore internazionale Giuliano Martinelli, ha postato le prime foto di un’attività che sta vivendo, come tutte le altre, tra restrizioni, tutela della salute e voglia di tornare alla normalità. Con la coppia anche le ‘lagotte’ Lola e Birba. La coppia ha raccontato: “Per quanto riguarda il covid-19, non ci sono particolari indicazioni perché si tratta di un’attività che si fa da sé, soli con i cani, Le uniche limitazioni sono per i gruppi, ovvero la ricerca con la guida”. In questo caso, “devono essere al massimo dieci persone, con distanze di sicurezza e tutte le precauzioni necessarie per evitare il contagio. Ma si tratta di un’attività all’aria aperta, quindi non solo non si corrono rischi, ma è utile per stimolare il sistema immunitario, per fare attività fisica in una zone priva di inquinamento in modo da avere una forte ossigenazione. Se vogliamo, è un sistema ottimo per preservare la salute”.

Quali sono le prospettive per la stagione? Elisa Ioni spiega: “I migliori tartufi estivi inizieranno a nascere tra qualche giorno. Oggi non sono ancora profumati perché non è caldo abbastanza. Lo scorzone vuole le temperature elevate. Quindi serve ancora qualche giorno per avere la qualità perfetta”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *