What’s New in Italy
Coronavirus: l’automotive Made in Italy non si ferma

Coronavirus: l’automotive Made in Italy non si ferma

Precauzioni in tutte le fabbriche, ma la produzione prosegue senza sosta. Smart working, presentazioni in streaming e nuove regole

L’emergenza coronavirus non ferma l’eccellenza italiana dell’automotive. Vengono però prese delle misure di sicurezza. Alla Dallara, che ha la sede principali a Varano de’ Melegari e che produce compositi a Stradella di Collecchio (Parma), conferenze e riunioni si svolgono via web. Sono circa 600 le persone coinvolte. Negli uffici 80 persone lavorano già in smart working. All’interno della fabbrica, i gruppi di lavoro sono a loro volta divisi in sotto gruppi. I turni sono due, per evitare assembramenti. Spostandosi tra i reparti, gli addetti indossano mascherine e guanti. Carico e scarico avvengono senza che i trasportatori e il personale Dallara entrino mai in contatto. Chiuse mensa aziendale e zone di ristoro, aperte le zone caffè con turni prestabiliti.

Passiamo alla Lamborghini. A Sant’Agata Bolognese il lavoro prosegue: ci sono 1.800 dipendenti che nel 2019 hanno sfornato la cifra record di 8.205 vetture. Sono state adottate tutte le misure preventive contro il Covid-19, è stata ampliata la pratica dello smart working. Non si ferma la produzione neanche alla Pagani Automobili, a San Cesario sul Panaro, in provincia di Modena, dove lavorano 170 addetti. Sono state sospese le attività di raggruppamento in generale e quelle non strettamente legate alla produzione, come le trasferte e i viaggi di lavoro. Spostamenti fuori provincia sospesi, limitati anche quelli all’interno della stessa provincia. Senza soluzione di continuità l’approvvigionamento di materie prime e semilavorati. Stilato un regolamento su come utilizzare la mensa aziendale, con turni di accesso per poche persone alla volta. Dove è possibile, si fa il telelavoro.

A Cambiano, in provincia di Torino, ha la sede la Pininfarina Spa. Non si ferma la fabbrica, sono sospese le trasferte. Adottate misure nuove per l’organizzazione di incontri e di riunioni, privilegiando il remoto. Adottato anche qui lo smart working. Liquido igienizzante per le mani in varie zone della fabbrica, con dispenser elettronici. Misure particolari per la mensa aziendale, attività di pulizia e di igienizzazione aggiuntive. Si fa ampio ricorso al web. In streaming le presentazioni e le prove in galleria del vento.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *