What’s New in Italy
Made in Italy agroalimentare: un terzo produzione in zone rosse

Made in Italy agroalimentare: un terzo produzione in zone rosse

Coldiretti lancia un appello al ministro delle Politiche agricole Teresa Bellanova: "Collaboriamo con autorità regionali e di governo"

Un terzo della produzione agroalimentare di Made in Italy si trova nelle zone che il Governo ha trasformato in ‘off limits’ a causa del coronavirus. Lo comunica Coldiretti: “I territori delimitati dal nuovo decreto interessano la food valley italiana, che garantisce l’approvvigionamento sui mercati nazionali ed esteri con la produzione di circa un terzo del Made in Italy agroalimentare”. Nelle zone interessate, si concentra anche il maggior valore di Dop e Igp.

“Per assicurare le necessarie forniture alimentari al Paese è importante che siano stati recepite nel decreto le nostre sollecitazioni al ministro delle Politiche Agricole Teresa Bellanova per dare continuità alle attività produttive nelle campagne dove vanno seguiti i cicli stagionali, dalla semina alla raccolta e garantita la cura delle piante e l’assistenza e l’alimentazione degli animali allevati nelle stalle, ma anche i mercati di vendita diretta, la trasformazione industriale e le consegne per la distribuzione commerciale”, fa sapere il presidente della Coldiretti, Ettore Prandini, in una nota.

Il numero uno dell’associazione specifica che c’è “piena disponibilità a collaborare con le autorità regionali e di governo per non compromettere la mobilità di merci e persone necessarie all’attività produttiva, nel rispetto delle norme di sicurezza”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *