What’s New in Italy
Vino: cosa cercano gli stranieri nel Made in Italy

Vino: cosa cercano gli stranieri nel Made in Italy

Un'indagine del Censis fa luce sull'argomento: "Sono stile di vita, emozione e qualità del prodotto a fare la differenza"

Il Made in Italy nella concezione degli stranieri si può riassumere in tre concetti: stile di vita, emozione e qualità del prodotto. A dirlo è Giulio de Rita, ricercatore del Censis, che ha parlato a WineNews. Se poi ci riferiamo al vino nostrano, capiamo in fretta che tutte e tre le qualità sopra elencate si attagliano bene: “Non è un azzardo dire che l’Italia può insegnare al mondo a bere il vino”.

De Rita aggiunge: “Sul prodotto, per gli stranieri contano soprattutto qualità e bellezza, per lo stile di vita la ricercatezza, e quando si parla di emozione i must sono sensorialità e formazione”. Caratteristiche, come detto, che si cuciono alla perfezione e su misura addosso al vino e alle altre eccellenze enogastronomiche italiane.

Il Censis ha fatto un’indagine che ha riguardato i principali Paesi stranieri. “Ci aspettiamo che il nostro stile di vita – per loro – sia il chiasso, invece è la ricercatezza. L’emozione italiana è rappresentata dai sensi, non tanto dall’esserci stati, dall’aver visitato Roma o dall’aver visto il Papa. L’esperienza italiana, infine, li forma come individui”.

Chiude De Rita: “Come beviamo noi, non beve nessun altro. Per noi non è qualcosa che significa solitudine, è un rito conviviale anzi. E’ un elemento essenziale per produrre vini ed esportare vini”.

Tag utilizzati:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *