What’s New in Italy
Confesercenti: per i regali di Natale spesa media di 272 euro

Confesercenti: per i regali di Natale spesa media di 272 euro

Differenza tra ciò che regaleremo e ciò che davvero si vuole sotto l'Albero. Il web non è il canale principale per gli acquisti

Italiani più prudenti per le spese del prossimo Natale. Secondo Confesercenti, infatti, per i regali spenderanno il 4,4 per cento in meno rispetto a dodici mesi fa, arrivando a 272 euro di budget medio. Il tradizionale sondaggio in vista della nascita di Gesù Cristo ci dice anche che il 39 per cento degli italiani preferisce ancora i negozi, i mercatini e i mercati a internet per acquistare il dono da mettere sotto l’Albero.

Il 32 per cento degli intervistati ha intenzione di spendere meno dell’anno scorso, solo l’11 per cento tirerà fuori più banconote dal portafogli. Ecco perché si passa da 285 a 272 euro medi. Ogni italiano, in media, acquisterà sette regali, tanti quanto a Natale 2018, spendendo per tutti un po’ meno. Si salvano dalla riduzione di budget solo i bambini e i parenti. Sempre un 32 per cento dei nostri connazionali acquisterà online, il 25 per cento si rivolgerà ai grandi centri commerciali. Nel 2010 solo il 10 per cento degli italiani si fidava del web, mentre sono in calo gli acquisti fatti nei centri commerciali (dal 49 per cento del 2010 al 25 per cento di oggi).

Su cosa ci si butta per fare una sorpresa gradita al prossimo? In cima alla lista ci sono i capi d’abbigliamento (38 per cento), poi i libri (37 per cento), il cibo (32 per cento), i prodotti di tecnologia, giocattoli e videogiochi (20 per cento), accessori e moda (19 per cento). Cresce la categoria arredamento/accessori, che però si ferma al 16 per cento. A seguire gli elettrodomestici (11 per cento), le calzature (7 per cento) e i viaggi (3 per cento). Ma quello che vorremmo ricevere è davvero questo?

Si cerca il regalo utile, tanto che stacca tutti il buono acquisto (22 per cento lo desiderano). Poi la tecnologia (16 per cento), i regali enogastronomici (14 per cento), i capi d’abbigliamento sono desiderati solo dall’11 per cento del campione. Troviamo poi ancora profumi e cosmetici (8 per cento), smartbox o simili e arredamento/accessori per la casa (5 per cento per entrambi), gioielli e giochi (3 e 1 per cento delle preferenze).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *