What’s New in Italy
Caffè espresso italiano: nel 2020 patrimonio immateriale Unesco

Caffè espresso italiano: nel 2020 patrimonio immateriale Unesco

Iter iniziato nel 2016, a novembre dell'anno prossimo dovrebbe concludersi positivamente e il caffè diventerà patrimonio dell'umanità

Il caffè espresso italiano è candidato a diventare patrimonio immateriale dell’umanità Unesco. La consacrazione dovrebbe avvenire a novembre dell’anno prossimo. Ad annunciarlo, a Roma presso la Camera dei Deputati, è stato il Consorzio di tutela espresso italiano tradizionale.

L’iter per il riconoscimento, iniziato nel marzo del 2016 con il dossier di candidatura presso la commissione nazionale Unesco, sarà accompagnato da un giro nei locali storici delle principali città italiane, in particolare in quelle creative Unesco: Bologna (musica), Fabriano (artigianato e arte popolare), Roma (cinema), Parma (gastronomia), Torino (design), Milano (letteratura), Pesaro (musica), Carrara (artigianato e arte popolare) e Alba (gastronomia).

Oggi, in Italia, operano nel settore del caffè più di 800 torrefazioni per un totale di 7 mila addetti, sono presenti più di 150 mila esercizi. I consumi annuali pro capite di caffè, nel 2018, sono stati pari a 5,9 chili, in aumento del 5,3 per cento. Il caffè è la seconda bevanda più bevuta dopo l’acqua nel mondo. La Finlandia è in testa alla classifica in Europa per consumo di caffè. In Italia, il 95 per cento della popolazione lo beve abitualmente, in particolare a casa (92 per cento) o in un bar (72 per cento).

Un 58 per cento dice di berlo per trovare la carica giusta ad affrontare la giornata, il 77 per cento appena si sveglia beve una tazza. Per il 53 per cento è un momento di relax, per il 47 per cento è un piace. È qualcosa da fare insieme ad altri per il 37 per cento. Il 93 per cento degli italiani preferisce proprio il caffè espresso.

Giorgio Caballini di Sassoferrato, presidente del Consorzio, dice: “Contiamo sull’aiuto delle forze politiche perché questo è un progetto trasversale che va da Bolzano a Lampedusa”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *