What’s New in Italy
Puglia in Cina all’International Import Expo

Puglia in Cina all’International Import Expo

Kermesse dedicata all'importazione di prodotti e di servizi, si è tenuta dal 5 al 10 novembre. Presenti 28 aziende pugliesi in un padiglione da 144 metri quadrati. Moda, design e agroalimentare

La Puglia, dal 5 al 10 novembre, è stata protagonista della China International Import Expo, manifestazione fieristica promossa dal ministero del Commercio cinese e dal municipio di Shangai. Una kermesse dedicata all’importazione di prodotti e di servizi. A dimostrazione dell’importanza di questa manifestazione, l’inaugurazione che ha visto la presenza del presidente della Repubblica cinese.

Presenza ampia di espositori stranieri. La Puglia ha presentato i settori che più fanno da volano all’estero: moda, design e agroalimentare. Lo stand misurava 144 metri quadrati, 28 le aziende della regione rappresentate. Regione Puglia, in occasione della fiera, ha sottoscritto un accordo con Icbc, prima banca al mondo, per facilitare i rapporti commerciali tra le imprese pugliesi e quelle cinesi.

Sebastiano Leo, assessore regionale all’Istruzione, alla Formazione e al Lavoro, così ha commentato la trasferta in Cina: “Il valore delle esportazioni dalla Puglia alla Cina registra incrementi incredibili. Ecco perché si è deciso di investire su questa rotta, Siamo orgogliosamente al Sud, ma vogliamo essere al centro delle politiche di mercato”.

Nel 2018, secondo gli ultimi dati, l’export Puglia – Cina ha registrato un aumento del 170 per cento rispetto al 2005. L’obiettivo ambizioso è allargare gli scambi anche al campo culturale, dell’istruzione, del turismo e della ricerca scientifica. Per questo motivo, è stata creata ‘Puglia 4 China’, intervento sperimentale di progettazione di un’offerta formativa specialistica, finalizzata a favorire il riposizionamento degli operatori turistici pugliesi rispetto al mercato cinese. Sono stati finanziati interventi di formazione a supporto del personale di terra di Aeroporti di Puglia per renderli ‘chinese friendly’.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *