What’s New in Italy
Made in Italy: l’arretramento tedesco penalizza l’export nostrano

Made in Italy: l’arretramento tedesco penalizza l’export nostrano

Nel mese di agosto, le esportazioni di Made in Italy verso la locomotiva d'Europa hanno perso il 7,5%. In otto mesi, si avvicina lo zero

La Germania continua a frenare e il Made in Italy ne esce penalizzato. Nel mese di agosto, le esportazioni verso la locomotiva d’Europa hanno perso il 7,5%, il dato più alto nel mese, che ha visto un calo complessivo del 3,4%, in particolare per l’arretramento limitato nei Paesi extra-Ue (-1,4%) e di un calo più consistente in Europa (-5,2%). Non ci sono segni positivi verso alcun Paese.

In Germania, le difficoltà maggiori toccano la produzione di autoveicoli, il che conseguentemente fa male alle filiere di componentisti italiani nell’area meccanica, elettronica e nella gomma plastica. Le auto calano addirittura del 24,9%; in otto mesi, il made in Italy verso la Germania si avvicina pericolosamente a quota zero, mantenendosi a +0,4%. In generale, tra i settori che contribuiscono alla flessione tendenziale dell’export di agosto, da segnalare macchinari e apparecchiature (-7,8%), autoveicoli (-24%), apparecchi elettrici (-16,3%).

Tra i dati positivi, spicca il +32 della farmaceutica, in particolare per merito delle maxi commesse verso gli Usa, dove nel mese le vendite si sono più che triplicate, a 463 milioni di euro. Su base annua, i Paesi che più contribuiscono al calo nelle esportazioni italiane, oltre alla Germania, sono la Francia (-5,9%), i Paesi Opec (-10,7%), la Spagna (-9%). Aumento delle vendite, invece, in Svizzera (+24,9%) e Giappone (+9,9%).

Nel periodo che va da gennaio ad agosto 2019, l’aumento su base annua dell’export (+2,6%) è dovuto alle vendite di articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici (+28,3%), di prodotti alimentari, bevande e tabacco (+7,5%) e di prodotti tessili e dell’abbigliamento, pelli e accessori (+7%). Istat stima che il surplus commerciali aumenti di 94 milioni di euro (da +2.491 milioni ad agosto 2018 a +2.585 milioni ad agosto 2019). Nei primi otto mesi dell’anno, l’avanzo commerciale ha raggiunto i 32.282 milioni.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *