What’s New in Italy
Festival del Medioevo: domani ‘Una sera nel palazzo di Federico’

Festival del Medioevo: domani ‘Una sera nel palazzo di Federico’

Dalle 21 in poi il racconto di Battista Sforza, le meraviglie del Palazzo Ducale di Gubbio e il concerto dell'Ensemble Micrologus

Appuntamento serale per il Festival del Medioevo di Gubbio. Domani, giovedì 26 settembre alle 21, tutti in via della Cattedrale per Battista Sforza, le meraviglie del Palazzo Ducale di Gubbio e un concerto dell’Ensemble Micrologus, nell’evento dal titolo ‘Una sera nel palazzo di Federico’.

Si partirà con una lezione da parte di Beatrice del Bo, storica, che racconterà della seconda moglie di Federico da Montefeltro, signora di Gubbio, protettrice degli umanisti e capace di tenere in mano il Ducato di Urbino durante le numerose assenze del marito. Battista morì a Gubbio di polmonite a soli 26 anni, la notte tra il 6 e il 7 luglio del 1472. Federico aveva appena espugnato Volterra per restituirla ai fiorentini, ma arrivò appena in tempo a Gubbio per ascoltare le ultime parole di Battista. Dopo questo lutto, lo stesso Federico rivelò all’ambasciatore dei Gonzaga di non volere più prendere moglie.

Battista e Federico sono scolpiti nel cuore di tutti grazie al doppio ritratto di Piero della Francesca, eseguito dopo la morte della duchessa. Oggi si trova a Firenze, nel museo degli Uffizi: le due figure appaiono di profilo, quasi immuni da turbamenti ed emozioni. A fare da sfondo le dolci colline del ducato.

Sempre domani, dalle 21.30, la storica dell’arte Paola Mercurelli Salari, direttrice del Palazzo Ducale di Gubbio e della Rocca Albornoz di Spoleto, parlerà di alcune delle tante meraviglie del palazzo eugubino, realizzato dall’architetto di Siena Francesco di Giorgio Martini. Crocevia di tante figure femminili di spicco: da Lucrezia Borgia a Isabella d’Este, da Elisabetta ed Eleonora Gonzaga a Giulia Varano, da Vittoria Farnese a Lucrezia d’Este, da Livia della Rovere a Claudia de’ Medici. Fino all’ultima erede della dinastia, Vittoria Feltria Della Rovere che, nel 1634, diventò Granduchessa di Toscana grazie al matrimonio con Ferdinando de’ Medici.

Alle 22 la serata si chiuderà con il concerto dell’Ensemble Micrologus, ‘Ondas do mar. Le Cantigas de amigo e l’amore verso la donna nel Medioevo’. Si tratta di viaggio musicale che sa di poesia, da parte del più importante gruppo musicale del Medioevo. Un excursus tra le composizioni liriche che, dal XII secolo, si svilupparono nel nordest della penisola iberica: voci di donne, a tema d’amore, canti struggenti di fanciulle addolorate per la lontananza o l’ingratitudine dell’amato, gioiose lodi in musica espresse di fronte a un nuovo, entusiasmante incontro d’amore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *