What’s New in Italy
Contratti di lavoro: in forte aumento i tempi indeterminati

Contratti di lavoro: in forte aumento i tempi indeterminati

Sono stati 353.176, con un incremento del 148,3 per cento rispetto allo stesso periodo del 2018, nei primi sette mesi del 2019

Nei primi sette mesi del 2019 sono aumentati fortemente i contratti a tempo indeterminato, che siano assunzioni o trasformazioni. Sono 353.176, con un incremento del 148,3% rispetto allo stesso periodo del 2018. Il dato è dell’Osservatorio dell’Inps sul precariato. Le trasformazioni da tempo determinato a indeterminato sono state 439,00 contro le 279 mila (+57,5%). Questo dato va insieme alla crescita delle “conferme di rapporti di apprendistato arrivati a conclusione del periodo formativo” (+20,1%).

Guardiamo ora la cessazioni. C’è stata una riduzione che, spiega l’Inps, “ha riguardato i contratti in somministrazione e i rapporti a termine; in crescita, invece, le cessazioni di rapporti con contratto intermittente, stagionale, in apprendistato e a tempo indeterminato”. Sono stati incentivati 66.581 rapporti di lavoro con i benefici che prevede l’esonero triennale strutturale per le attivazioni di contratti a tempo indeterminato di giovani. La diminuzione sull’anno scorso è dell’8,8%.

Calano i contratti a termine: +123.114, -66,7% rispetto allo stesso periodo del 2018 (+369.567). Ad agosto è crollato il numero delle ore di cassa integrazione autorizzate, pari a 6,4 milioni, -42,3% su base annua (11,1 milioni). Le ore di cig ordinaria scendono a 3,9 milioni (-1,9 il valore tendenziale). Ancora più alta la riduzione della cig straordinaria (2,5 milioni di ore, -64,9%). A luglio sono state presentate 297.899 domande di disoccupazione; rispetto a luglio 2018 c’è stato un aumento del 6,4%. Sono state portate all’Inps 293.711 domande di Naspi, 228 di mobilità e 3,960 di Discoll per i collaboratori.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *