What’s New in Italy
Agricoltura: in Italia è dei giovani

Agricoltura: in Italia è dei giovani

Sono 57.621 gli under 35 alla guida di aziende agricole, il 4,1 per cento in più rispetto all'anno precedente. I giovani innovano il settore

Italia prima in Europa per agricoltori under 35. Sono 57.621 quelli alla guida di un’impresa nel 2018, +4,1 per cento rispetto al 2017. Lo fa sapere Coldiretti: l’agricoltura è tornata a essere un settore strategico per la ripresa economica e occupazionale, con le campagne che son diventate il banco di prova per tanti giovani che vogliono iniziare a innovare.

Le aziende agricole guidate da giovani hanno una superficie superiore di oltre il 54 per cento alla media, un fatturato più elevato del 75 per cento della media e il 50 per cento di occupati per azienda in più. Siamo a una presenza record per gli ultimi cinque anni. E il modo di fare azienda è profondamente diverso dal passato. Il 70% delle imprese young opera nella trasformazione aziendale dei prodotti, nella vendita diretta, nelle fattorie didattiche, negli agriasilo. Non mancano le attività ricreative, l’agricoltura sociale per l’inserimento dei disabili, dei detenuti e dei tossicodipendenti, la sistemazione di parchi, giardini e strade, l’agribenessere, la cura del paesaggio e la produzione di energie rinnovabili.

Veronica Barbati, leader dei giovani di Coldiretti, dice: “Occorre sostenere il sogno imprenditoriale di una parte importante della nostra generazione, che mai come adesso vuole investire il proprio futuro nelle campagne. Purtroppo, spesso, si frappongono ostacoli burocratici”. Più di tre richieste di nuovo insediamento su 4 (il 78 per cento) al sud non sono state accolte, al momento, per colpa degli errori di programmazione delle amministrazioni regionali, con il rischio concreto di restituzione dei fondi disponibili all’Unione Europea.

Tag utilizzati:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *