What’s New in Italy
Previsioni Ue: Italia sempre maglia nera per la crescita economica

Previsioni Ue: Italia sempre maglia nera per la crescita economica

La Commissione di Bruxelles a sorpresa promuove invece il reddito di cittadinanza voluto da Luigi Di Maio e dal Movimento 5 Stelle

Niente di nuovo sotto il sole. La crescita economica dell’Italia quest’anno si attesterà sullo 0,1%, nel 2020 arriverà al +0,7%. Inutile dire che siamo che, nelle previsioni della Commissione europea, siamo maglia nera Ue. “La crescita robusta dell’Europa centrale e orientale contrasta con il rallentamento in Germania e il forte calo in Italia”. Però, “l’Italia ha lasciato la recessione tecnica in cui era stata nella seconda metà del 2018. Nel mese di marzo, la produzione manifatturiera è scivolata di nuovo in contrazione e ha continuato a ridursi in aprile, mentre le indagini di aziende e consumatori indicano attività economiche modeste nel breve periodo”.

Tutto da buttare? No, non proprio. Ci viene aiuto la Brexit. Traina la domanda, favorendo l’export. “La costruzione di scorte su larga scala da parte di società con sede nel Regno Unito ha contribuito a stabilizzare le esportazioni”. Per noi, è autentica manna. A fronte di consumi interni poco mossi, la domanda esterna fa respirare il nostro Paese. “La crescita delle esportazioni dovrebbe perdere slancio nel 2019, ma rafforzarsi gradualmente nel 2020 sulla scia di una crescente domanda esterna”.

Arriva una buona notizia anche dal reddito di cittadinanza. Bruxelles non lo boccia più. Anzi: “La crescita del Pil in termini reali si baserà principalmente sui consumi privati, sostenuta da prezzi dell’energia più bassi e dal nuovo schema di reddito della cittadinanza per i redditi bassi”. Il consiglio Ecofin, invece, ieri aveva bocciato ‘quota cento’. Meglio la riforma Fornero di quella di Salvini, dunque.

L’Italia, questo è certo, rimane un sorvegliato speciale. La Commissione rileva che “i rischi per le prospettive di crescita rimangono pronunciate, soprattutto nel 2020, quando la politica di bilancio affronterà sfide particolari”. Tra l’altro, il prossimo anno in Italia si prevede un calo negli investimenti.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *