What’s New in Italy
Vacanze di Pasqua: 21 milioni di italiani in viaggio

Vacanze di Pasqua: 21 milioni di italiani in viaggio

Si sfrutta la Pasqua alta da agganciare ai ponti per la Liberazione del 25 aprile e per la Festa dei lavoratori del 1° maggio

Sfidando anche il tempo incerto, circa 21 milioni di italiani hanno deciso di mettersi in viaggio per le vacanze che, quest’anno, godono di una fortunata coincidenza, con Pasqua e Pasquetta, poi il ponte del 25 aprile e quindi quello del primo maggio. Il 32%, secondo l’analisi di Coldiretti/Ixè, dunque, non farà la classica gita fuori porta, ma una vacanza vera e propria. Quasi una prova di quella che tra qualche mese segnerà la stagione estiva.

Non partono tutti insieme, però, gli italiani. Se cinque milioni hanno deciso la partenza per Pasqua, gli altri si scaglioneranno. L’Italia è la meta preferita, ma un 14% ha scelto l’estero. Vince il mare con il 40% delle preferenze, al secondo posto – con il 27% – ci sono città situate davanti a parchi naturali, montagna e campagna. Casa di proprietà o in affitto davanti a tutti, poi alberghi, bed and breakfast e agriturismi (almeno un milione di persone tra italiani e stranieri, +15% rispetto allo scorso anno). Un record favorito dalla Pasqua alta, dunque dal caldo e dallo sbocciare di fiori e piante. L’80% degli italiani ha cercato in questa Pasqua la tradizione anche a tavola e gli agriturismi da questo punto di vista sono una scelta sicura. Pensate che più di un terzo della spesa per la vacanza in Italia è dato proprio dal mangiare: in ristoranti, pizzerie, trattorie e, appunto, agriturismi, ma anche street food, mercati, fese e sagre di paese.

Nella scelta della meta del viaggio, il 59% dei turisti italiani dà grandissima importanza proprio all’offerta enogastronomica. Al primo posto c’è la voglia di visitare un’azienda agricola (39%), poi di una cantina (31%), quindi di un caseificio (27%), secondo il Rapporto sul turismo enogastronomico del 2019. “Il souvenir preferito è diventato quello alimentare, con il 45% che cerca il piatto locale o il prodotto locale da portare a casa o regalare agli amici”.

Tag utilizzati:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *