What’s New in Italy
Xylella: Coldiretti Puglia si rivolge al premier Conte e al ministro Lezzi

Xylella: Coldiretti Puglia si rivolge al premier Conte e al ministro Lezzi

Cantele: "Abbiamo illustrato al presidente del Consiglio le tre priorità". Intanto il contagio prosegue al ritmo di 2 chilometri al mese verso nord

Coldiretti chiede al premier Giuseppe Conte interventi immediati per frenare il “disastro colposo” causato dalla “gestione inconcludente dell’emergenza Xylella”, che ha già distrutto milioni di ulivi con un danno stimato per difetto in 1,2 miliardi di euro. La delegazione di Coldiretti Puglia, guidata dal presidente di Lecce, Gianni Cantele, si è rivolta al presidente del Consiglio e al ministro per il Sud Barbara Lezzi durante la loro visita a Lecce.

Cantele, dopo l’incontro, ha dichiarato: “Abbiamo illustrato al premier, facendo appello anche alle sue origini pugliesi, le tre priorità per l’area infetta da Xylella, la semplificazione degli espianti, risorse e sostegno al reddito per cinque anni delle imprese agricole, di frantoi e vivai, e sostegno all’occupazione. E, infine, il nostro Piano in dieci punti per la ricostruzione del patrimonio olivicolo del Salento. Abbiamo chiesto che i 300 milioni di euro di risorse aggiuntive che intende stanziare arrivino realmente agli agricoltori per favorire nuovi impianti e per sostenere gli olivicoltori e le loro famiglie per la mancata produzione”.

A Barbara Lezzi “abbiamo con forza ribadito l’importanza che i 300 milioni di euro di risorse aggiuntive, rispetto ai 100 già stanziati dal Cipe, vadano agli agricoltori, che vengano monitorati i percorsi di assegnazione di 150 milioni per il 2020 e 150 per il 2021”.

Coldiretti ha denunciato la situazione gravissima: “Bisogna fermare il contagio che sta avanzando inesorabilmente verso nord a una velocità di più di due chilometri al mese, dopo aver già provocato con 21 milioni di piante infette una strage di ulivi e un panorama spettrale”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *