What’s New in Italy
I segreti della Terra catturati da Prisma

I segreti della Terra catturati da Prisma

Tecnologia tutta italiana per il satellite che studierà i mutamenti degli ecosistemi e del clima

Con il lancio del satellite Prisma, avvenuto dalla base Jupiter di Kourou (Guyana Francese), l’Italia conferma la sua eccellenza nella ricerca spaziale. La missione è realizzata completamente dall’Agenzia Spaziale Italiana e il satellite è il frutto dell’industria spaziale italiana grazie a un Raggruppamento temporaneo di imprese guidato da OHB Italia e da Leonardo.

Il satellite avrà il compito di monitorare i fenomeni geologici e ambientali del nostro pianeta.

Grazie all’innovativa strumentazione elettro-ottica, con la iper-telecamera più potente al mondo, Prisma fornirà non solo le immagini della Terra ma anche il materiale di cui sono formate le parti oggetto di studio, la cui composizione chimico-fisica sarà determinata dal sensore iperspettrale.

Il materiale fornito da Prisma, che sarà acquisito e processato dalla sede di Matera del Centro di Geodesia Spaziale dell’Agenzia Spaziale Italiana, potrà avere un ruolo importante nello studio dei mutamenti degli ecosistemi, nei cambiamenti climatici, nella ricerca ambientale ma anche nell’agricoltura di precisione, nell’analisi dei bacini interni e delle coste e nell’estrazione mineraria.

Il lancio di Prisma è avvenuto grazie a un’altra creazione italiana, il vettore Vega (ideato e costruito da Avio) alla sua 14esima missione.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *