What’s New in Italy
Acqua: in Italia, 9 litri su 10 di pioggia vanno persi

Acqua: in Italia, 9 litri su 10 di pioggia vanno persi

Coldiretti: "S'impone un drastico cambiamento di mentalità nella gestione di questo preziosissimo nutrimento per il settore agricolo-alimentare"

In occasione della Giornata mondiale dell’acqua, Coldiretti ci fa sapere che 9 litri su 10 di pioggia vengono persi nel nostro Paese, mentre i cambiamenti climatici imporrebbero un deciso cambio di mentalità di gestione di questo preziosissimo nutrimento. L’Italia è ancora un Paese piovoso, con circa 300 miliardi di metri cubi d’acqua che cadono ogni anno, ma a causa delle carenze nelle infrastrutture, solo l’11 per cento viene trattenuto.

Coldiretti chiede interventi decisi a livello strutturale: “Crescita delle temperature, sfasamenti stagionali e modificazione della distribuzione e aumento dell’intensità delle piogge sono effetti dei cambiamenti climatici. Le anomalie sono evidenti anche quest’anno in cui l’inverno è stato particolarmente siccitoso, soprattutto al Nord, dove sono cadute il 50% di precipitazioni in meno rispetto al periodo di riferimento” secondo le analisi effettuate su dati Isac Cnr.

Il clima è sempre più tropicale, dunque, e bisogna organizzarsi per raccogliere l’acqua che cade nei periodo più piovosi, in modo da renderla disponibile quando Dio non ci aiuta. “Servono interventi di manutenzione, risparmio, recupero e riciclaggio delle acque con le opere infrastrutturali, potenziando la rete di invasi sui territori, creando bacini e utilizzando anche le ex cave per raccogliere l’acqua piovana”. Non si può chiedere di più agricoltori, “già impegnati a fare la propria parte per promuovere l’uso razionale dell’acqua, lo sviluppo di sistemi di irrigazione a basso impatto e l’innovazione con colture meno idro-esigenti, ma non va dimenticato che l’acqua è essenziale per mantenere in vita sistemi agricoli senza i quali è a rischio la sopravvivenza del territorio e la competitività dell’intero settore alimentare”.

Tag utilizzati:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *