What’s New in Italy
Saldi invernali: ecco quando iniziano e quanto si spenderà

Saldi invernali: ecco quando iniziano e quanto si spenderà

In Basilicata e in Sicilia si comincia già domani. Saranno all'insegna del risparmio per Confesercenti (122 euro a persona) e per Confcommercio (140)

Da domani, 2 gennaio, inizieranno i saldi invernali 2019 in Italia: Basilicata e Sicilia le prime. Il 3 gennaio toccherà alla Valle d’Aosta, sabato scatteranno gli sconti in tutte le altre regioni italiane. Confesercenti ha calcolato una spesa pro-capite di 122 euro, per Confcommercio arriveremo invece a 140 euro a persona.

Tanti i commercianti e i negozianti che aderiscono, nel tentativo di salvare una stagione non positiva: saranno 280 mila. C’è la quasi totalità dei negozi di moda e di prodotti tessili. Un italiano su due ha fatto sapere che approfitterà dell’occasione per fare almeno un acquisto. Il presidente di Fismo Confesercenti, Roberto Manzoni, dice: “Quest’anno gli sconti di partenza saranno più alti della media e l’assortimento molto ampio, visto il meteo incerto che ha caratterizzato la stagione finora”. E ancora: “Per i consumatori sarà meglio del Black Friday, con un periodo di sconti più lungo e tutti i vantaggi del negozio tradizionale”.

Confcommercio ha stimato che i saldi invernali interesseranno oltre 15 milioni di famiglie e muoveranno 5,1 miliardi di euro, con spesa media a famiglia di 325 euro. L’associazione ricorda poi alcuni principi base dei saldi: possibilità di cambio (obbligatoria in caso di prodotti danneggiati o non conformi), obbligo di accettare i pagamenti con carte di credito e di indicare prezzo di partenza, sconto e costo finale.

Vediamo ora le date di inizio e fine saldi regione per regione: Basilicata (2 gennaio – 1 marzo), Sicilia (2 gennaio – 15 marzo), Valle d’Aosta (3 gennaio – 31 marzo), Abruzzo (5 gennaio – 5 marzo), Calabria (5 gennaio – 28 febbraio), Campania (5 gennaio – 2 aprile), Emilia Romagna (5 gennaio – 5 marzo), Friuli Venezia Giulia (5 gennaio – 31 marzo), Lazio (5 gennaio – 28 febbraio), Liguria (5 gennaio – 18 febbraio), Lombardia (5 gennaio – 5 marzo), Marche (5 gennaio – 1 marzo), Molise (5 gennaio – 5 marzo), Piemonte (5 gennaio – 28 febbraio), Puglia (5 gennaio – 28 febbraio), Sardegna (5 gennaio – 5 marzo), Toscana (5 gennaio – 5 marzo), Umbria (5 gennaio – 5 marzo), Veneto (5 gennaio – 31 marzo), Trentino Alto Adige (5 gennaio – 16 febbraio, fatta eccezione per alcuni Comuni turistici, in cui inizieranno il 16 febbraio per concludersi il 30 marzo).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *