What’s New in Italy
Meteo e agricoltura: 478 trombe d’aria in Italia nel 2018, 48,8 miliardi di perdite in 20 anni

Meteo e agricoltura: 478 trombe d’aria in Italia nel 2018, 48,8 miliardi di perdite in 20 anni

Le campagne italiane soffrono l'estremizzazione dei fenomeni: più di mille tra tornado, bombe d'acqua, tempeste di fulmini, valanghe e bufere di neve

Sono 478 le trombe d’aria che hanno colpito l’Italia nel 2018, più del doppio (+121%) rispetto a quelle registrate nello stesso periodo dell’anno scorso. L’analisi di Coldiretti è su dati Eswd, l’anagrafe europea degli eventi meteo estremi. In Italia, in quest’anno così bizzarro dal punto di vista del clima, abbiamo avuto più di mille fenomeni tra tornado, bombe d’acqua, tempeste di fulmini, valanghe e bufere di neve.

Come sottolinea Coldiretti. “la tendenza ai cambiamenti climatici, in Italia, si manifesta con una più elevata frequenza di eventi violenti, sfasamenti stagionali, precipitazioni breve e intense e il rapido passaggio dal caldo al maltempo”. L’eccezionalità degli eventi è ormai la norma, ma non siamo ancora pronti. In particolare le campagne: nel 2018, si registrano danni per oltre 1,5 miliardi di euro tra coltivazioni distrutte, alberi portati via dal vento, serre rase al suolo, edifici e capannoni senza più il tetto, aziende allagata, frane e smottamenti.

“L’Italia è tra i dieci Paesi più colpiti al mondo da alluvioni, siccità, tempeste, ondate di calore e terremoti negli ultimi 20 anni. Questi eventi hanno provocato 48,8 miliardi di euro di perdite secondo i dati dell’Agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di disastri naturali, sigla Unisdr”. Ecco perché l’organizzazione dei coltivatori diretti consiglia: “La situazione conferma l’esigenza per il Paese di porsi in prima fila nelle politiche di contrasto ai cambiamenti climatici che mettono a rischio la sicurezza della popolazione, specie ed ecosistemi, la produzione agricola e le altre attività economiche”.

Tag utilizzati:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *