What’s New in Italy
Città ecologiche: la più verde è Mantova

Città ecologiche: la più verde è Mantova

La sorpresa dell’Ecosistema urbano di Legambiente è Cosenza in quinta posizione

La città più verde d’Italia è ancora una volta Mantova, seguita da Parma, Bolzano e Trento. E’ quanto emerge dalla 25ª edizione di Ecosistema urbano, indagine realizzata da Legambiente con il contributo scientifico di Ambiente Italia, la collaborazione editoriale de Il Sole 24 ore e con un contributo di Ispra sui corpi idrici. L’indagine ha indagato preso in considerazione 17 parametri per le voci voci aria, acqua, rifiuti, trasporti, ambiente, energia.

Il capoluogo lombardo ha ottenuto un punteggio di 78,14 su 100. La sorpresa è stata però Cosenza in quinta posizione (+8 posizioni), soprattutto grazie all’aumento delle isole pedonali.

In fondo alla classifica Catania (ultima) e la Sicilia in generale (Agrigento, Palermo, Siracusa e Trapani sono tra le 10 città con posizione peggiore). Male anche le grandi città, con l’esclusione di Milano che è salita al 23esimo posto dal 31esimo della precedente edizione. Torino si piazza in 78esima posizione, Roma in 87esima, Napoli in 89esima e Palermo alla 100esima.

“Ci sono evidenti comportamenti dinamici di una parte dei centri urbani – afferma Alberto Fiorillo, responsabile aree urbane di Legambiente e curatore insieme a Mirko Laurenti e Lorenzo Bono del report – e una stasi altrettanto chiara in altri che ci porta a distinguere due specie distinte, due categorie opposte, diverse da quelle solite nord-sud, grandi-piccoli, ricchi-poveri. Da una parte città formica, laboriose, che non si accontentano, dall’altra città cicala, che cantano future trasformazioni e in realtà assecondano la crisi ambientale urbana anziché cercare di correggerla. Insomma il cliché, valido in passato, del centro urbano medio-piccolo del nord come luogo predestinato alla qualità ambientale non è più universalmente valido Lo dimostrano i balzi avanti della metropoli Milano e della meridionale Cosenza. Non più liquidabili come singole eccezioni, dal momento che Ecosistema Urbano registra prestazioni positive anche a Oristano, Macerata, Pesaro”.

Tra i singoli casi positivi la mobilità condivisa a Milano dove circolano più di 3mila auto in car-sharing, il teleriscaldamento per tre istituti superiori di Udine che contano 3mila studenti, l’alto numero di alberi a Modena (108 ogni 100 abitanti), gli spostamenti in bicicletta a Bolzano che raggiungono il 30%, la Ztl di Bergamo che è la più estesa d’Italia.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *