What’s New in Italy
Grave forma di asma: ne soffrono 300 mila italiani

Grave forma di asma: ne soffrono 300 mila italiani

Sono 2,6 milioni coloro che hanno la patologia. Ci sono delle azioni da mettere in atto per prevenire il peggioramento della malattia respiratoria

Sono 300 mila gli italiani che soffrono per una grave forma di asma. Questa patologia consuma l’80 per cento circa delle risorse dedicata al problema. Dei 300 mila connazionali gravi, il 33 per cento ha meno di 14 anni. Se l’asma grave non viene trattato nel modo corretto, può limitare la qualità della vita, causando attività fisica, qualità del sonno, assenze dal lavoro e da scuola. Lo scrive l’Associazione Allergologi Immunologi Italiani Territoriali e Ospedalieri (Aaiito) all’apertura del congresso nazionale di Roma.

Si stima che nel nostro Paese l’incidenza dell’asma sia pari al 4,5% della popolazione, il che significa che ce l’hanno 2,6 milioni di persone. Di queste, buona parte soffre di allergie, che portano anche l’asma. La malattia in forma grave riguarda fino al 10% della popolazione totale di asmatici. Antonino Musarra, presidente dell’Aiito, parla diffusamente della situazione del nostro Paese.

“I dati relativi ai pazienti affetti da asma grave nel nostro Paese sembrano paradossali se si considerano le accresciute conoscenze recenti sulla eziopatogenesi dell’asma e sulla disponibilità di trattamenti in grado di consentire un buon controllo nella gran parte dei pazienti con questa patologia ostruttiva”. Continua: “Si può agire anche sul piano della prevenzione”. In che modo? “E’ necessario prestare particolare attenzione alle misure di educazione sanitaria e sociale”.

Ossia si devono correggere i comportamenti di vita che tendono a far peggiorare l’asma: “Evitare dunque l’esposizione ad ambienti contaminati da allergeni o da fumo di sigaretta. Bisogna evitare di essere sedentari e non far aumentare eccessivamente il peso”. Come dire: con una vita sana, l’asma si può fermare prima che assuma forme gravi e che limitano e peggiorano la qualità stessa della vita.

Tag utilizzati:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *