What’s New in Italy
Fame in Italia: 2,7 milioni hanno chiesto aiuto per mangiare nel 2017

Fame in Italia: 2,7 milioni hanno chiesto aiuto per mangiare nel 2017

Appena 114 mila coloro che si sono serviti nelle mense per i poveri (per vergogna), 2,55 milioni hanno usufruito dei pacchi alimentari da parte di enti caritatevoli

Sono stati, 2,7 gli italiani che durante l’ultimo anno hanno dovuto chiudere aiuto per trovare cibo da mangiare e si sono dovuti rivolgere alle mense dei poveri o ai pacchi di aiuto alimentare. L’analisi è di Coldiretti ed è stata resa nota durante la Giornata mondiale dell’alimentazione della Fao (16 ottobre). Siamo dunque a più della metà dei cinque milioni che vivono in condizioni di povertà assoluta secondo i dati Istat.

Dice Coldiretti: “Molti hanno utilizzato i pacchi alimentari perché in tanti si vergognano di consumare pasti gratuiti nelle strutture caritatevoli. Sono appena 114 mila quelli che si sono serviti delle mense dei poveri, a fronte di 2,55 milioni che invece hanno accettato l’aiuto dei pacchi di cibo sulla base dei dati sugli aiuti alimentari distribuiti con i fondi Fead attraverso l’Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura (Agea)”.

Tra le categorie più deboli si contano 455 mila bambini con meno di 15 anni, 200 mila anziani sopra i 65 anni e 100mila persone senza fissa dimora. Poi bisogna aggiungere 380 mila migranti “che hanno lasciato spesso le proprie terre per la fame e ora si trovano ad affrontare la stessa emergenza in Italia”. Aggiunge Coldiretti: “Contro la fame si attiva la solidarietà con molte organizzazioni attive nella distribuzione degli alimenti, dalla Caritas Italiana al Banco Alimentare, dalla Croce Rossa Italia alla Comunità di Sant’Egidio”.

Sono 197 gli enti benefici che attivano 10.607 mense e centri di distribuzione per i poveri. Coldiretti, insieme a Campagna Amica, ha promosso nei mercati degli agricoltori a chilometri zero l’iniziativa ‘La Spesa sospesa’, dando la possibilità ai consumatori di fare una donazione libera grazie alla quale acquistare prodotti a favore dei più bisognosi.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *