What’s New in Italy
Adriatico: scatta il fermo pesca

Adriatico: scatta il fermo pesca

Le indicazioni di Coldiretti Impresapesca per una spesa sicura

Fermo ai pescherecci da oggi siano al 9 settembre nell’alto Adriatico, da Trieste ad Ancona. Da San Benedetto a Termoli il fermo pesca è pianificato per il periodo dal 13 agosto al 23 settembre, mentre da Manfredonia a Bari dal 27 agosto al 9 ottobre. Per il Tirreno i periodi di stop sono due: il primo dal 10 settembre al 9 ottobre nel tratto tra Brindisi e Roma, il secondo dal 1° ottobre al 30 ottobre da Civitavecchia a Imperia. Tra agosto e ottobre, invece, per Sardegna e Sicilia secondo le indicazioni delle Regioni.

A dare notizia del fermo pesca è Coldiretti Impresapesca, associazione che chiede che il sistema sia rivisto non portando benefici né alla sostenibilità dei mari né allo stato economico delle imprese (secondo i dati forniti in 33 anni di attuazione si è avuta la perdita di oltre un terzo delle imprese e di 18mila posti di lavoro). “L’auspicio – afferma Coldiretti Impresapesca – è che dal 2019 si possa mettere in campo un nuovo sistema che tenga realmente conto delle esigenze di riproduzione delle specie e delle esigenze economiche delle marinerie. Ma intanto vanno risolti i problemi relativi al pagamento del fermi pregressi e evitate incertezze sul garantire il premio alle imprese relativamente all’anno 2018”.

Nei periodi di fermo pesca cresce, soprattutto nei ristoranti, il rischio dell’utilizzo di pesce straniero o congelato. Al momento degli acquisti in pescheria Coldiretti Impresapesca suggerisce di controllare sull’etichetta la provenienza del pesce (Gsa 9 Mar Ligure e Tirreno, 10 Tirreno centro meridionale, 11 mari di Sardegna, 16 coste meridionali della Sicilia, 17 Adriatico settentrionale, 18 Adriatico meridionale, 19 Jonio occidentale) o di rivolgersi alla filiera corta per la vendita diretta del pescato (sono escluse dal fermo le barche per piccola pesca).

Tag utilizzati:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *