What’s New in Italy
Malattie rare: nel 2017 il Bambino Gesù ne ha identificate 16

Malattie rare: nel 2017 il Bambino Gesù ne ha identificate 16

Non avevano ancora una diagnosi. La struttura della Santa Sede prima tra gli ospedali pediatrici italiani per livello di Impact Factor

Il Bambino Gesù di Roma nel 2017 ha identificato 16 nuove malattie rare. Un risultato che ha permesso di fornire una diagnosi ad oltre il 50% dei pazienti con malattie rare o ultra rari seguiti dall’ospedale. Un risultato che è stato raggiunto grazie alle piattaforme genomiche e alle competenze bioinformatiche sviluppate presso i laboratori della struttura. Complessivamente sono più di 700 coloro che sono impegnati nella ricerca (400 ricercatori e 300 tra medici, biologi e farmacisti).

Sono 13.203 i pazienti ‘rari’ arruolati dal Bambino Gesù nella Rete Regionale delle Malattie Rare, la casistica considerata più ampia a livello nazionale, non solo in campo pediatrico. Inoltre il nosocomio della Santa Sede partecipa a 15 Reti ERN (European Reference Networks) ed è così ospedale pediatrico europeo più coinvolto nei network europei per la condivisione delle conoscenze sulle malattie rare e il coordinamento delle cure di questi pazienti.

Il Bambino Gesù, come si legge in una nota, si colloca ai vertici della rete degli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS) e primo tra gli ospedali pediatrici italiani per livello di Impact Factor (IF), il valore che misura il ‘peso’ delle pubblicazioni scientifiche. Negli ultimi 5 anni il suo If è cresciuto del 50% arrivando lo scorso anno a 2.703 per un totale di 663 pubblicazioni scientifiche. I progetti di ricerca attivi nello scorso anno sono stati 438, il 36% dei quali ha riguardato malattie e tumori rari. Le collaborazioni scientifiche con partner nazionali e soprattutto internazionali (77%) – in particolare Germania, Regno Unito, Paesi Bassi, Francia e Usa – sono state 293. Gli studi clinici, che hanno coinvolto 6.120 pazienti, sono stati 431. Il valore dell’intero parco tecnologico biomedico dell’Ospedale è di 73 milioni di euro, per un totale di 11.400 apparecchiature e componenti.  

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *