What’s New in Italy
World Mayor Prize: un’italiana tra le candidate

World Mayor Prize: un’italiana tra le candidate

Si tratta di Patrizia Barbieri, sindaco di Piacenza

C’è anche un’italiana tra le 53 candidate al ‘World Mayor Prize’ 2018, che per la prima volta dal 2004 è riservato ai soli sindaci donna. Si tratta di Patrizia Barbieri, dal 25 giugno 2017 alla guida di Piacenza con il sostegno di Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia dopo 15 anni di governo cittadino in mano alla sinistra.

Una candidatura quella al ‘World Mayor Prize’ 2018 che, come dichiara in un’intervista del Corriere della Sera, l’ha sorpresa. “Mi chiedo perché mi hanno scelta, avrei voluto fare di più, il primo anno è stato duro…” afferma.

Un anno da sindaco iniziato con la Guardia di Finanza negli uffici comunali per via dell’inchiesta su 50 furbetti del cartellino (“Ovviamente, ero nuova, l’indagine non mi riguardava, ma dovetti iniziare con tutti quei dipendenti sospesi”), i cui effetti non sono ancora scemati. “Ancora oggi, con molte persone sospese o licenziate e ricorsi avviati, subiamo il contraccolpo”.

Un ruolo quello da sindaco in cui l’essere donna non è privo di conseguenze. “Devi conciliare tutto – afferma – io lavoro da avvocato, ma ho anche un marito e due figlie e ogni momento libero è per loro, ma non amo il vittimismo. Nel ’94, quando sono diventata sindaco di Castelvetro Piacentino, c’era più scetticismo verso le donne”.

La riorganizzazione degli uffici con riduzione dei dirigenti e l’inaugurazione di un pattinodromo fermo da 20 anni i risultati di cui si dichiara più soddisfatta in questi primi 12 mesi di mandato. Risultati ai quali si affianca la sinergia con Parma quale Città della cultura 2020 (“Con noi c’è anche il sindaco di Reggio Emilia, che è del Pd. Ha vinto Parma, ma condividiamo la vittoria in tre”).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *