What’s New in Italy
Vacanze: l’italiano viaggia di nuovo e lo fa in patria con l’auto

Vacanze: l’italiano viaggia di nuovo e lo fa in patria con l’auto

Indagine Confturismo - Confcommercio in collaborazione con l'Istituto Piepoli: a giugno risale la fiducia del viaggiatore nostrano. Che va a caccia soprattutto di mare

Prosegue a crescere la voglia di viaggiare degli italiani. A giugno, secondo i dati elaborati da Confturismo – Confcommercio, in collaborazione con l’Istituto Piepoli, la fiducia del viaggiatore nostrano è salita a 67 punti. Un numero particolarmente importante perché permette di tornare nella fascia di giudizio ‘ buono’, che non si toccava da agosto dell’anno scorso.

Nel prossimo trimestre, se non ci saranno sorprese, gli italiani si muoveranno prevalentemente verso il mare. In generale, dall’indagine compare anche un’altra novità: l’allungamento medio delle ferie, fino a superare le cinque notti per viaggio, con due terzi degli italiani che staranno fuori casa più di tre notti. L’Italia è la meta preferita, forse anche per questioni di budget (l’85 per cento la sceglierà come meta delle vacanze). Puglia, Sicilia, Emilia Romagna, Calabria, Toscana e Sardegna sono le regioni che più beneficeranno dell’effetto turismo casalingo.

Oltre alla convenienza, le motivazioni della preferenza vanno dal rapporto qualità/prezzo alla presenza di belle naturali e paesaggistiche, al clima, alla qualità dell’ambiente e all’offerta di cibo e bevande. Chi, invece, deciderà di spostarsi oltre i confini dello Stivale, andrà in mete che paiono non passare mai di moda, Spagna, Grecia e Croazia.

Infine, uno sguardo al mezzo di trasporto scelto per portare armi e bagagli lontani dallo stress quotidiano e lavorativo. La grande maggioranza, circa la metà, userà la macchina, utile se dal luogo di vacanza ci si vuole spostare nei dintorni e non solo; il 18 per cento salirà su un aereo, appena l’8 per cento farà il viaggio in treno.

Tag utilizzati:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *