What’s New in Italy
Pronto soccorso: il codice rosso va in pensione

Pronto soccorso: il codice rosso va in pensione

Nel Lazio rivoluzione al triage con i numeri che sostituiscono i colori

Dai colori ai numeri: cambia il sistema di filtro per i pazienti che arrivano nei pronto soccorso del Lazio. Dopo una sperimentazione durata due anni in 8 pronto soccorso generalisti e 3 pediatrici, che ha coinvolto circa 80 medici e infermieri e più di 7mila pazienti, entrerà in funzione dal 2019. La nuova classificazione non sarà più costituita da rosso-giallo-verde-bianco ma da 5 codici numerici: 1 emergenza, 2 urgenza, 3 urgenza differibile, 4 urgenza minore, 5 non urgenza.

Dal 2010 al 2017 si è registrata una diminuzione degli accessi al pronto soccorso (-7,3%); la maggioranza (65-70%) è rappresentata da codici verdi, che sono quelli con maggiore errore nella determinazione del livello di priorità alla visita medica ed è anche per questo che si è proceduto alla rivisitazione delle procedure.

“Un lavoro molto importante – ha commentato Alessio D’Amato, assessore alla Sanità della Regione Lazio – che ci è stato sollecitato dai diretti interessati e che ci permetterà di fornire cure maggiormente appropriate e di migliorare il servizio sanitario. Il gruppo di lavoro ha sperimentato le nuove linee guida in piena sintonia e collaborazione con i professionisti e le diverse realtà del territorio. Oggi per la Regione Lazio si apre una nuova stagione concorsuale che ci permetterà di avere nei reparti e nei pronto soccorso un ricambio generazionale. Questo lavoro sul triage si inserisce in un percorso di riorganizzazione che prevede nuovi investimenti sul personale e un programma di riqualificazione dell’edilizia sanitaria e sulle tecnologie”.

Tag utilizzati:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *