What’s New in Italy
Autostrada: addio al tutor per il limite di velocità

Autostrada: addio al tutor per il limite di velocità

Un contenzioso tra Autostrade per l’Italia e Craft ha portato allo spegnimento dello strumento per rilevare la velocità media

Tutor spenti in autostrada a seguito della sentenza della Corte di Appello del 10 aprile nella vertenza tra Autostrade per l’Italia e Craft, azienda che rivendica i diritti sul brevetto. Il ricorso per la sospensione del provvedimento è stato infatti respinto.

Uno spegnimento che arriva in vista dell’estate, quando con le vacanze il traffico automobilistico aumenterà, e proprio in coincidenza di un record negativo: nell’ultimo fine settimana le vittime sulla strada sono state 27, mai così tante in questo 2018 e con i soli dati forniti da polizia Stradale e Carabinieri (a questi vanno aggiunti i rilievi fatti dalle Polizie Municipali).

La situazione preoccupa non poco l’Asaps (Associazione sostenitori amici Polizia Stradale), che sottolinea come “dopo gli attacchi seriali al sistema del controllo della velocità con i vari misuratori come autovelox, telelaser e simili ora arriva anche questo provvedimento che inciderà sicuramente sui risultati auspicati per la sicurezza sulle strade”. Proprio per questo l’augurio è che “prevalga il buon senso fra gli automobilisti per evitare che le autostrade tornino a vedere il costante incremento delle velocità e il prevalere dell’arbitrio di quanti sono alla guida di vetture potenti”.

Come sottolineato da Giordano Biserni (presidente Asaps), “la pronuncia della Cassazione chiarisce che i sistemi di controllo della velocità sono responsabilità delle istituzioni, non dei concessionari. Quindi ciò vuol dire che Aspi ha fatto finora ben più del dovuto sul tema sicurezza, investendo risorse proprie per abbattere la mortalità e salvare 300 vite umane l’anno”

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *