What’s New in Italy
Matrimonio annullato: un’assicurazione come ancora di sicurezza

Matrimonio annullato: un’assicurazione come ancora di sicurezza

In Italia il mercato potenziale stimato da Facile.it è di oltre 40 milioni di euro l’anno

Assicurare il giorno del proprio matrimonio. Con una spesa minima, a fronte dei 15mila euro spesi in media per il grande giorno, è possibile mettersi al sicuro dagli incidenti principali, abbandono del futuro coniuge compreso. Un affare che, come sottolinea Facile.it, in Italia ha un mercato potenziale di oltre 40 milioni di euro l’anno con una media di circa 200mila cerimonie.

“Si tratta di prodotti assicurativi ancora poco conosciuti ma i cui prezzi sono tutt’altro che proibitivi, soprattutto in relazione ai benefici che garantiscono – spiega Lodovico Agnoli, responsabile new business di Facile.it -. Se ci si vuole tutelare dall’annullamento della cerimonia o da eventuali danni causati durante i festeggiamenti, il costo della polizza si aggira intorno ai 200 euro. Prezzo destinato a salire se il valore della cerimonia da assicurare aumenta o se si aggiungono anche altre coperture, come quella sul viaggio di nozze, sulle fedi o l’assistenza per il primo anno di matrimonio”.

Se la cerimonia non si svolgerà a causa dell’abbandono di uno dei due sposi il rimborso potrebbe essere solo parziale, mentre è totale quando l’impedimento è dovuto a cause di forze maggiore come l’impedimento a raggiungere il luogo della cerimonia per gravi calamità naturali o gravi infortuni, malattie o decessi (anche dei familiari più stretti). La polizza assicurativa può coprire anche le richieste di risarcimento per danni involontariamente causati a terzi durante i festeggiamenti ed eventuali danni accidentali causati alle cose.

E’ inoltre possibile assicurare la luna di miele, il primo anno di matrimonio (malattie, infortuni, licenziamento) e i servizi di manutenzione della casa per i primi 12 mesi. Un premio che complessivamente, secondo il prospetto di Facile.it, arriva a circa 380 euro.

Tag utilizzati:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *