What’s New in Italy
Ferrari 250 Gto Berlinetta Competizione Tour de France: costa troppo pure all’asta

Ferrari 250 Gto Berlinetta Competizione Tour de France: costa troppo pure all’asta

Non sono stati sufficienti 6,2 milioni di euro per aggiudicarsi, da Sotheby's, il gioiellino del 1957. Un'auto con una ricca storia alle spalle, tra gare e celebrazioni

Quanto può costare una Ferrari rara come la 250 GTO Berlinetta Competizione Tour de France del 1957? Sicuramente più di 6,2 milioni di euro. All’asta da Sotheby’s, infatti, tanti soldi non sono bastati perché il potenziale acquirente riuscisse a farla sua. Un’auto d’epoca, naturalmente, ma griffata Cavallino Rampante, il che è sufficiente per far lievitare i prezzi. Nel 2014, un’altra Ferrari Gto venne venduta per 28 milioni di euro. Del resto, ce n’erano solo 36 esemplari nell’universo.

Quella del 1957, 3 litri V12 da 260 CV, raggiungeva i 260 chilometri all’ora. I 6,2 milioni sono stati giudicati insufficienti, visto che il prezzo di riserva era di 7 milioni. Il lotto è rimasto invenduto. Carrozzeria firmata Scaglietti, perfettamente conservata perché in 45 anni ha avuto soltanto due proprietari. La storia racconta di sole 72 unità prodotte per la terza serie del modello, dal passato sportivo glorioso.

Il primo proprietario, numero di telaio 0897, fu il pilota tedesco Wolfgang Seidel, noto come The Golden Bear. Partecipò con la Berlinetta da Competizione a 22 gare, stradali, in pista e in salita. Ne vinse 11. Nel 1964 l’auto andò all’asta e se l’aggiudicò l’architetto tedesco Manfred Ramminger, che l’ha utilizzata due anni prima di venderla nel 1966 a Gary Schmidt, militare americano con base in Germania. Questi l’ha sistemata un po’, ha ricostruito il motore in Svizzera con il supporto della Casa madre e poi l’ha ceduta al collezionista svedese Christer Mellin, uno dei fondatori del Ferrari Club Svezia (1973). Qui è iniziato un lento lavoro di restauro, in collaborazione con Maranello, durato 20 anni. Nel maggio del 1997 Mellin ha venduto il gioiellino all’attuale proprietario, che ha portato la Ferrari 250 a diversi eventi per celebrare gli anniversari del Cavallino. Tra questi, anche la Mille Miglia Storica del 1999.

Tag utilizzati:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *