What’s New in Italy
730 precompilati: è boom

730 precompilati: è boom

Più di un milione di persone, in appena quattro giorni, hanno controllato la propria situazione fiscale attraverso la dichiarazione precompilata e disponibile online

È boom di 730 precompilati. In appena quattro giorni, infatti, un milione di italiani ha controllato la propria situazione fiscale attraverso la dichiarazione online. I dati sono stati resi noti dall’Agenzia delle Entrate, che ha segnalato oltre un milione di accessi alla dichiarazione precompilata, dal 16 al 20 aprile, il 60% in più rispetto allo scorso anno.

L’Agenzia ricorda inoltre che la compilazione da quest’anno sarà assistita. Ovvero, il fisco guiderà passo passo il contribuente nell’inserimento di nuove spese da dedurre o da detrarre, non presenti tra i dati precompilati. In questo 2018, troviamo 925 milioni di informazioni già inserite nei modelli: spese sanitarie sostenute dai cittadini e comunicati alle farmacie, studi medici, cliniche e ospedali, quelle per le ristrutturazioni edilizie. Le spese universitarie, assicurative, quelle dei mutui e dei contributi previdenziali, le informazioni catastali sugli immobili, le spese per le rette per gli asili nido, quelle veterinarie e funebri, i redditi di lavoro dipendente e le pensioni.

Ma se il contribuente vorrà modificare il proprio 730, potrà inserire nuovi documenti di spesa, come uno scontrino della farmacia non pervenuto nella banca dati del Sistema Tessera Sanitaria. Potrà modificare, integrare o non utilizzare i dati degli oneri comunicati dai soggetti terzi. Un grande vantaggio della dichiarazione dei redditi precompilata sta nel fatto che non è più necessario esibire la documentazione delle spese per le detrazioni e le deduzioni. Vantaggio che si allarga pure ai 730 inviati, con o senza modifiche, tramite Caf e professionisti.

In caso di rimborso, chi ha utilizzato il modello 730, lo riceverà direttamente dal datore di lavoro o dall’ente pensionistico. Chi non ha sostituto d’imposta, dall’Agenzia delle entrate nel proprio conto bancario o postale.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *