What’s New in Italy
Professioni gravose: si aggiungono altre quattro categorie

Professioni gravose: si aggiungono altre quattro categorie

Ministero del Lavoro e dell'Economia fanno chiarezza sui mestieri che permettono di essere esentati dai 5 mesi in più di requisiti pensionistici, previsti dal 2019

Ministero del Lavoro e ministero dell’Economia hanno fatto chiarezza sulle professioni cosiddette gravose con un decreto pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale. Sono, questi, i lavori che sono esentati dai cinque mesi in più di requisiti pensionistici, previsti a partire dal 2019 a causa dell’incremento delle aspettative di vita.

Condizione indispensabile, per accedere a questa agevolazione, è che i lavoratori interessati svolgano tale attività gravosa da almeno sette anni nei precedenti dieci il pensionamento e che siano in possesso di un’anzianità di contributi pari ad almeno 30 anni in totale.

Le categorie individuate sono una specificazione di quelle già riconosciute con la legge di bilancio del 2017 ai fini dell’accesso all’Ape sociale e del pensionamento anticipato per i lavoratori precoci, e delle seguenti quattro categorie professionali, inserite nella legge di bilancio 2018: operatori dell’agricoltura, zootecnica e pesca; pescatori della pesca costiera, in acque interne, in alto mare, dipendenti o soci di cooperative; siderurgici di prima e seconda fusione e lavoratori del vetro, addetti ai lavori ad alte temperature non già ricompresi tra i lavori usuranti di cui al Decreto legislativo 67/2011; marittimi imbarcati a bordo e personale viaggiante dei trasporti marini e acque interne.

Queste specificazioni, delle categorie lavorative gravose, valgono anche per l’accesso all’Ape sociale e al pensionamento anticipato per i lavoratori precoci.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *