What’s New in Italy
Festival di Sanremo 2018: fiori e piante si riprendono la scena

Festival di Sanremo 2018: fiori e piante si riprendono la scena

I numeri di Coldiretti, che rileva come il florovivaismo in Italia sia un settore particolarmente fiorente, oltre che utile per la salute dell'essere umano nelle città

Si è aperta martedì 6 febbraio la 68esima edizione del Festival di Sanremo, molto attesa perché diretta per la prima volta da Claudio Baglioni. Come al solito, oltre che essere l’appuntamento principe della musica italiana, questa è una vetrina pure per i fiori nostrani, della riviera ligure più precisamente.

Per questo 2018, parliamo di 20 mila garofani bianchi, 8 mila garofani rossi, 15 mila ranuncoli gialli, 20 mila foglie di magnolia colorate di bianco, 8 mila colorate di blu. Lo fa sapere Coldiretti, ben felice che i fiori siano tornati a dominare la scena sul palco del Teatro Ariston. Inoltre, sono stati realizzati 150 bouquet appositamente per gli ospiti e per i cantanti e il red carpet prevede la presenza di 500 piante tra ciclamini rossi, primule gialle cinerarie blu.

Il Made in Italy fa la voce grossa a Sanremo, insomma. Per ogni persona sul palco, compresa l’orchestra, è stato poi preparato un fiore all’occhiello a ricordo delle vittime di femminicidio, nel tentativo di sensibilizzare gli spettatori. Dietro tutto questo, c’è l’organizzazione dell’Associazione Nazionale Piante e Fiori d’Italia. Il che significa fioristi provenienti da tutta Italia, dalla scuola Pianeta Fiore di Chicco Pastorino, in collaborazione con il mercato dei fiori di Sanremo per la fornitura dei fiori e dei vivaisti di Albenga per le piante.

“Il florovivaismo è un settore che in Italia vale complessivamente oltre 2,5 miliardi di euro e conta 100 mila addetti in 27 mila aziende, con un saldo commerciale positivo di oltre 180 milioni di euro. Un settore fondamentale per rendere gradevoli e abitabili le nostre città e per la lotta all’inquinamento e alle polveri sottili, vista la capacità delle piante di catturare gli inquinanti e la Co2, producendo ossigeno”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *