What’s New in Italy
Sanità: primo occhio bionico in Italia

Sanità: primo occhio bionico in Italia

L'intervento è stato eseguito al San Raffaele di Milano su una paziente di 50 anni, che è stata dimessa. L'operazione chirurgica è durata quasi undici ore in totale

Primo impianto di un occhio bionico in Italia. È durato quasi undici ore l’impianto di una protesi sottoretinica, ossia retina artificiale, fatto durante un intervento chirurgico da una squadra di specialisti di Chirurgia vitreoretinica e oftalmoplastica dell’Unità di Oculistica dell’Irccs Ospedale San Raffaele.

Un’operazione complicata e delicata che nessuno nel nostro Paese aveva finora mai eseguito. L’impianto non si può purtroppo fare a tutti, ma solo a chi ha perso la vista da adulto. Si tratta di inserire un microchip piccolissimo, di tre millimetri, composto da 1600 sensori, al di sotto della regina, in corrispondenza della macula. Questo microchip va a sostituire le funzioni delle cellule specializzate, ossia coni e bastoncelli, che traducono la luce in segnali bioelettrici che poi arrivano al cervello passando per il nervo ottico.

I foto recettori che non funzionano più vengono sostituiti da un fotodiodo, un apparato elettronico piccolissimo che riesce a trasformare la luce in stimolo elettrico. L’operazione è stata eseguita lo scorso 20 gennaio su una donna di 50 anni, fin dalla giovane età affetta da retinite pigmentosa, malattia genetica dell’occhio che porta gradualmente a perdere la vista. La paziente adesso sta bene, è stata dimessa dall’ospedale e attende l’accensione del microchip, che andrà a stimolare gradualmente la retina, fino a permetterle di nuovo di vedere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *