What’s New in Italy
Neve e pioggia: Coldiretti, un disastro per gli alberi da frutto

Neve e pioggia: Coldiretti, un disastro per gli alberi da frutto

Coldiretti: "A un gennaio caldissimo sta facendo seguito l'improvviso abbassamento delle temperature. Negli ultimi 10 anni, siccità e alluvioni hanno bruciato 14 miliardi nell'agricoltura"

Il caldissimo gennaio, combinato con la discesa improvvisa delle temperature a inizio febbraio, mette a dura prova le colture italiane. Lo denuncia Coldiretti. Molte piante erano già fiorite, ma il maltempo che è tornato su gran parte della penisola, ora mette a serio rischio la raccolta dei frutti in primavera e in estate.

In particolare sulle Alpi, oltre alla pioggia, è tornata la neve. “Il risultato è uno sbalzo termico repentino, che mette in pericolo gli alberi da frutto che si stavano risvegliando sotto il tepore di una finta primavera, con mandorli in fiore e gemme in fase di apertura su albicocchi e peschi, proprio nei giorni della merla che, tradizionalmente, dovevano essere i più freddi dell’anno”.

Le temperature sono state più alte anche di 4,5 gradi rispetto alla media storica nella prima decade di gennaio, ma ora il gelo farà danni: “L’arrivo del maltempo compromette il normale ciclo vegetativo della produzione. L’andamento schizofrenico dell’inizio dell’anno conferma i cambiamenti climatici in atto dopo un 2017 che si è classificato, in Italia, come il sesto più caldo della storia, con una temperatura superiore di 1,16 gradi rispetto alla media di riferimento, sulla base dei dati Isac Cnr”.

Pioggia e neve in questo momento proprio non ci volevano: “Arrivano dopo un anno che è stato il più secco dal 1800, con la caduta del 31 per cento di acqua in meno della media che ha provocato la più grave siccità da 217 anni”. Quella pioggia e quella neve tanto agognate nei mesi passati, adesso è davvero quanto di peggio potesse capitare: “Si sta verificando un’accelerazione dei cambiamenti climatici che si stanno manifestando in Italia con ripetuti sfasamenti stagionali ed eventi estremi con pesanti effetti sull’agricoltura italiana che, negli ultimi dieci anni, ha subito danni per 14 miliardi di euro tra alluvioni e siccità”.

Tag utilizzati:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *