What’s New in Italy
Spreco di cibo: report italiano, i risultati

Spreco di cibo: report italiano, i risultati

Si buttano via 100 grammi al giorno in famiglia, 120 ad alunno nelle mense scolastiche. L'alimento più sprecato è il latte, non mancano naturalmente frutta e verdura

Vere e proprie perquisizioni nelle case degli italiani contro gli sprechi di cibo. Sono state controllate oltre 400 famiglie, da Nord a Sud, poi le mense scolastiche. E alla fine è stato stilato il primo report di un fenomeno molto esteso.

La ‘perquisizione’ è stata messa in atto da una squadra di 007, i risultati analizzati da ricercatori dell’Università di Bologna, di Udine e della Tuscia, nell’ambito di ‘Reduce’, nome del progetto del ministero dell’Ambiente, e della campagna ‘Spreco Zero’. In ogni casa, in 24 ore, vengono buttati nella spazzatura 100 grammi di cibo, nelle scuole si arriva a 120 grammi per alunno.

Andrea Segrè, docente, dice: “Buttare via il cibo è diventato un gesto automatico. Ma le campagne di sensibilizzazione qualche effetto lo hanno prodotto e i dati sono in miglioramento”. Claudia Giordano, ricercatrice del dipartimento di Scienze e tecnologie agroalimentari, è stata la coordinatrice di chi ha girato le case e le mense scolastiche giorno per giorno.

“Le famiglie hanno prima compilato il diario quotidiano della gestione del cibo e noi, senza preavviso, siamo andati a verificare che le cifre dei cibi buttati via fossero veritiere. Abbiamo fatto una scoperta: l’alimento più sprecato è il latte. Tutti buttano via solo il fondo della tazza e così si raggiungono quantità incredibili”. Frutta e verdura sono l’altra voce dello spreco quotidiano. “E risulta più alto nelle famiglie con bambini. I single invece, sono quelli che hanno lo spreco più alto pro-capite. I più spreconi sono i giovani sotto i 35 anni e i professionisti perché spesso non tornano a casa per pranzo e buttano via quello che avevano messo in frigo”.

Smentito un lungo comune: non è vero che che spreca di più chi fa la spesa al supermercato, facendosi attirare dalle offerte, o chi fa la spesa una volta sola alla settimana.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *