What’s New in Italy
Miss Italia: il concorso tira ancora

Miss Italia: il concorso tira ancora

A Roma si sono ritrovate in 150 per la prima selezione che ha promosso 16 belle alla prossima tappa di Saint Vincent, da cui usciranno le ragazze per la finalissima

Il concorso di Miss Italia tira ancora. A Roma, per la prima selezione del 2018, si sono ritrovate 150 ragazze, tra cui anche una mamma con bimba di cinque mesi. Tutte riunite all’Empire Palace Hotel di Roma. Si chiama ‘Prima Miss dell’Anno – Miss 365’: da qui escono solo 16 ragazze che passano alla seconda fase, quella di Saint Vincent. Dalla Val d’Aosta, infine, ci sarà la possibilità di andare alla finalissima di settembre.

La competizione è nata nel 1939. A vincere fu Isabella Verney, si aggiudicò il concorso ‘5000 lire per un sorriso’, inviando una sua fotografia al settimanale ‘Il Milione’. In giuria, nel 2018, ci sono la vincitrice dell’anno scorso, Alice Rachele Arlanch; il duo comico romano degli Actual, e Patrizia Mirigliani, signora del concorso tra le belle.

Una sola pausa per Miss Italia, durante il secondo conflitto mondiale, per riprendere a guerra terminata, nel 1946, con la formula che conosciamo: sfilate, passerelle, interviste. Nel 1948 a nobilitare il premio arriverà Sofia Loren, pur non vincendo perché troppo procace. Il boom è vicino. Tanti personaggi famosi sono partiti da qui: Stefania Sandrelli, Gina Lollobrigida, Federica Moro, Anna Kanakis, Maria Grazia Cucinotta, Anna Falchi, Martina Colombari, Anna Valle.

A proposito, volete sapere chi ha passato la prima selezione? Eccovi accontentati. Ginevra Bresciani, Valentina Colecchia, Elisabetta Guido, Manuela Matera, Denise Airoldy, Claudia Chiellini, Chiara Savocchi, Chiara Barbaro, Lucrezia Terenzi, Rossella Manicone, Floriana Monacelli, Federica Aversano, Rosa Setola, Deborah Pilenga, Valery Eucalipto, Alessia Spagnulo (la mamma con bimba di cinque mesi), Olga Strogovets, Marika Ferrarelli.

Tag utilizzati:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *