What’s New in Italy
Contraccezione: 31mila firme per averla gratis

Contraccezione: 31mila firme per averla gratis

In tanti hanno risposto alla petizione del Comitato per la contraccezione gratuita e consapevole

Contraccezione gratuita per assicurare il diritto alla procreazione responsabile, con ricadute importanti sulla salute delle donne. E’ questa la richiesta lanciata al ministero della Salute e all’Agenzia del farmaco (Aifa) dal Comitato per la contraccezione gratuita e consapevole, che è composto da ginecologhe, ostetriche, epidemiologi e giornalisti di tutta Italia. Una richiesta alla quale hanno aderito oltre 31mila persona attraverso la petizione su Change.org.

“Le campagne pubbliche di informazione sulla fertilità lanciate negli ultimi anni – afferma Marina Toschi (ginecologa consultoriale e portavoce con il collega Pietro Puzzi del Comitato) nella petizione – si basano sul fondamento comune della procreazione responsabile, diritto che nel 2017 nessuno metterebbe mai in discussione in un Paese democratico. Tuttavia oggi in Italia il costo della contraccezione risulta troppo oneroso per tante donne, coppie e famiglie in condizioni di disagio economico, acuite dalla crisi. La concreta difficoltà di regolare la propria fertilità, programmando e distanziando adeguatamente le gravidanze, ma anche la scelta obbligata del contraccettivo meno adatto, hanno un evidente impatto negativo sulla salute fisica e psicologica di queste donne, accentuando ulteriormente i loro problemi economici e sociali”.

In Italia infatti “a differenza di altri Paesi europei come la Francia, il Belgio e la Germania” il costo della contraccezione “è interamente a carico delle cittadine e dei cittadini, salvo rare iniziative locali”. Fatto questo che porta a discriminazioni economiche e territoriali”. Nella petizione si sottolinea inoltre come i metodi contraccettivi “rientrano nella lista delle medicine essenziali stilata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e aggiornata nel 2017”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *