What’s New in Italy
Export italiano: 2017, boom dalle isole

Export italiano: 2017, boom dalle isole

Nel terzo trimestre dell'anno, +33,8% di prodotti venduti da Sicilia e Sardegna ai Paesi esteri. In calo soltanto il Mezzogiorno, con un -0,1%

L’export italiano, nei primi nove mesi dell’anno, è salito del 7,3 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Un vero e proprio boom si è registrato nelle vendite a Paesi stranieri di prodotti provenienti dalle isole (+33,8%). Con il segno ‘+’ anche l’Italia Centrale (8,3%), Nord-occidentale (+8%) e Nord-orientale (+5,5%). In calo soltanto le regioni del Mezzogiorno (-0,1%).

L’Istat fa sapere come, anche rispetto ai mesi precedenti, l’export abbia viaggiato a mille nel terzo trimestre 2017: +3% nel Nordest, +1,4% nell’Italia meridionale e insulare, +0,9% nel Nordovest, +0,7% nel Centro Italia. Nel periodo gennaio – settembre 2017, in particolare, si segnalano la Lombardia (+7,3%), il Piemonte (+8,9%) e il Lazio (+17,7%). Fanno bene anche l’Emilia Romagna (+5,8%) e il Veneto (+5,1%). Cattive notizie dalla Basilicata (-16,4%) e dal Molise (-30,4%).

E a livello di prodotti? Aumentano le vendite di auto nel Lazio, di prodotti petroliferi raffinati in Sicilia, di articoli farmaceutici, chimico-medicinali, botanici e di metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti, in Lombardia (totale +1,6%). Per un +0,8% contribuiscono l’export di macchine e apparecchi n.c.a da Lombardia, Emilia Romagna e Piemonte. E ancora: l’export va benissimo per quanto riguarda Lombardia e Lazio verso gli Stati Uniti, Piemonte verso la Cina, Lombardia verso la Germania. In flessione le vendite da Lombardia ed Emilia Romagna verso i Paesi Opec.

Infine: sono le province di Frosinone, Milano, Siracusa, Monza e Brianza, Cagliari e Torino ad avere un peso specifico importante sull’export, mentre i maggiori contributi negativi arrivano da Potenza e da Ascoli Piceno.

Tag utilizzati:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *