What’s New in Italy
Champions League: Napoli eliminato

Champions League: Napoli eliminato

Partenopei sconfitti 1-2 dal Feyenoord: in primavera dovranno affrontare l'Europa League. Per la squadra di Sarri è la seconda sconfitta consecutiva

Il Napoli non ce l’ha fatta: chiude al terzo posto il girone di Champions League e, dunque, retrocede in Europa League. Niente tre su tre per le formazioni italiane; in primavera, ci saranno soltanto Juventus e Roma nella massima competizione continentale per club.

La serata del Napoli di Sarri appariva difficile già alla vigilia. Non dipendeva solo da Hamsik e compagni la qualificazione. Il Manchester City – già qualificato – avrebbe dovuto perdere in casa dello Shakhtar Donetsk e, contemporaneamente, gli azzurri avrebbero dovuto vincere in casa del Feyenoord. Beh, è capitato esattamente il contrario.

Eppure, il Napoli era partito forte, segnando subito con Zielinski. Intorno alla mezzora, però, dall’Ucraina sono arrivate pessime notizie (doppio vantaggio per i padroni di casa sul City di Guardiola) e la squadra campana si è ammosciata, subendo il pareggio. Nel secondo tempo, mentre gli inglesi continuavano la loro gita, a Rotterdam succedeva poco e solo nel finale. Prima il Feyenoord in dieci, poi la beffa per il Napoli, che subiva il 2-1 a tempo scaduto. Dall’altra parte, Aguero su rigore salvava solo la faccia dei Citizens.

Dire però che il Napoli si è giocato (male) la qualificazione soltanto ieri sarebbe ingiusto. Il Napoli ha lasciato troppi punti per strada, probabilmente dimostrando di tenere di più al campionato che alla Champions League. Non si può neanche accusare il Manchester City di essere stato troppo arrendevole in Ucraina. Gli inglesi, nel prossimo turno di campionato, hanno il derby con lo United che può portarli ad avere un vantaggio di 11 punti sulla seconda in classifica.

Per il Napoli, comunque, la seconda sconfitta consecutiva dopo lo 0-1 tra le mura domestiche contro la Juventus. Un campanello d’allarme per una rosa forse troppo corta e che sta accusando i primi segnali di fatica (oltre a qualche acciacco di troppo).

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
Tag utilizzati:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *