What’s New in Italy
Cantieri Baglietto: due riconoscimenti in una settimana

Cantieri Baglietto: due riconoscimenti in una settimana

L'azienda spezzina fondata nel 1854 vince la terza edizione delle 100 Eccellenze Italiane e il Best Italian Client Award 2017 per il settore nautico

Lo storico cantiere italiano Baglietto è stato ra i protagonisti della terza edizione del Premio ‘100 Eccellenze Italiane’, ideato da Riccardo Dell’Anna Editore e patrocinato dalla presidenza del Consiglio. La cerimonia di premiazione si è svolta lo scorso 30 novembre a Roma, a palazzo di Montecitorio.

Baglietto ha dimostrato “capacità di definire il made in Italy’ e ha portato a casa anche il ‘Best Italian Client Award 2017′ per il settore nautico, conferito dal Lloyd’s Register Italia. Il premio è stato consegnato dall’ambasciatore britannico, Jill Morris lo scorso 4 dicembre.

L’iniziativa nasce con l’obiettivo di riconoscere il contributo e la collaborazione dei clienti chiave nel Paese. Tra questi, appunto, il cantiere Baglietto, che si è distinto per la capacità di offrire ai propri clienti prodotti affidabili e di alta qualità, soluzione all’avanguardia e di assoluta eccellenza. Michele Gavino, amministratore delegato di Baglietto, commenta: “Abbiamo lavorato molto per offrire progetti dalla forte connotazione Made in Italy”.

E poi ancora: “Ogni traguardo rappresenta per noi un nuovo inizio, ogni premio ricevuto è un punto di partenza. Abbiamo lavorato molto sulla gamma prodotto. Questi recenti riconoscimenti premiano il nostro impegno e rappresentano un importante stimolo per guardare al futuro con ottimismo e proattività”.

I cantieri Baglietto hanno sede a La Spezia e sono un vero e proprio marchio storico, fondato nel 1854. E’ Pietro Baglietto, detto ‘Muntagnin’, ad aprire il cantiere in un capanno di un orto a cento metri dal mare, a Varazze. Qui inizia a costruire piccoli scafi di gozzi e canotti, ben presto si orienta verso lo yachting iniziando a costruire imbarcazioni da diporto.

Da segnalare, nel 1923, che il Baglietto I trionfa a Monaco, battendo il record di velocità nella sua categoria e conseguendo un doppio primato: è la prima imbarcazione italiana a ottenere un record mondiale. Pure D’Annunzio commissionerà una barca ai Baglietto. Nel 1996, con l’acquisizione dell’ex Cantiere Ferrari di La Spezia, i Cantieri Navali Baglietto entrano in una nuova fase, aumentando la capacità produttiva ed estendendola anche a serie di modelli dislocanti, già diventati punto di riferimento del settore.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *