What’s New in Italy
Air China: Italia mercato strategico

Air China: Italia mercato strategico

Tante possibilità e novità con il vettore cinese: introdotto il Boeing 787 - 900 Dreamliner con tre classi di servizio, assistenti di volo italiani sui velivoli

Air China punta con decisione sull’Italia dopo la nomina del nuovo general manager per il nostro Paese, Ma Nan. “L’anno scorso l’impatto sul mercato italiano è stato rilevante. Da giugno, i voli da Milano per Pechino e Shangai sono diventati giornalieri, con un forte incremento dell’offerta aerea. Sommando i collegamenti da Roma Fiumicino per Pechino, Air China ha raggiunto le 21 frequenze settimanali per un totale di 18 mila posti mensile a bordo”.

Il vettore cinesi oggi vanta 98 voli internazionali e 263 nazionali, ma il mercato della nostra penisola “è strategico. Tant’è che abbiamo voluto premiare questo bacino di traffico introducendo il nuovo aeromobile Boeing 787-900 Dreamliner con tre classi di servizio, tra cui la Premium, con cabina dedicata più spaziosa, catering arricchito, due bagagli gratuiti, imbarco prioritario e kit relax. Da quest’anno, inoltre, potrà capitare di vedere a bordo i neo assunti assistenti di volo italiani che hanno superato la selezione e il training su oltre 100 ragazzi e ragazze provenienti da tutte le regioni. Abbiamo voluto rendere omaggio anche all’enogastronomia italiana, con un’ampia selezione di piatti regionali scelti e curati dalla società Lsg SkyChef, partner storico per il catering di bordo”.

A livello commerciale, Air China “oltre all’intesa globale con Lufthansa”, ha “convenzioni con diverse società di trasporto, con gli aeroporti delle varie città italiane, oltre a Roma e Milano, in linea con la mobilità sostenibile. E ancora: accordi di comarketing di carattere culturale, come la convenzione con Roma Pass e Musei in Comune. La cultura italiana, da sempre, ha un forte appeal sul turista cinese”.

Novità pure per i prezzi: “Abbiamo introdotto di recente le tariffe per studenti che consentono il trasporto gratuito di due bagagli da stiva; un riconoscimento per il sempre maggiore interesse dei giovani italiani allo studio della lingua cinese. Vogliamo poi presidiare il mercato italiano con tariffe interessanti anche per la basse stagione che ci ha già dato lusinghieri risultati di traffico”.

Infine, grazie al free Visa, è possibile visitar Pechino senza visto fino a tre giorni e Shangai per 144 ore. Con l’app per acquisti online e servizi, si ha diritto all’upgrade e a biglietti gratuiti, accesso alle lounge, fast track in aeroporto.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
Tag utilizzati:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *