What’s New in Italy
Siccità in Italia: 2017 anno più secco della storia

Siccità in Italia: 2017 anno più secco della storia

Mai aveva piovuto così poco dal 1800 a oggi, solo il 1945 si avvicina all'anno che sta finendo. Il 2017 è anche il quarto anno più caldo di sempre

Il 2017, in Italia, sarà ricordato come l’anno più siccitoso dal 1800 a oggi. Il Cnr ha diramato dati drammatici sul nostro Paese: le piogge sono state oltre il 30 per cento inferiori alla media del periodo di riferimento 1971 – 2000.

Il Centro nazionale di ricerche comunica: “A partire dal mese di dicembre del 2016 (primo mese dell’anno meteorologico 2017) si sono susseguiti mesi quasi sempre in perdita; fatta eccezione per i mesi di gennaio, settembre e novembre, tutti gli altri hanno fatto registrare un segno negativo, quasi sempre con deficit di oltre il 30 per cento e, in ben sei mesi, di oltre il 50 per cento”.

L’Italia si desertifica sotto i nostri occhi: “A conti fatti, gli accumuli annuali a fine 2017 sono risultati essere di oltre il 30 per cento inferiori ala media del periodo di riferimento 1971 – 2000, etichettando quest’anno come il più secco dal 1800 a oggi. Per trovare un anno simile, bisogna andare indietro al 1945: anche in quell’anno ci furono 9 mesi su 12 pesantemente sotto media (il deficit fu -29 per cento, quindi leggermente inferiore”.

Ha fatto anche molto caldo, ma questa volta il 2017 non è entrerà nei libro dei primati: “Dal punto di vista termometrico, il 2017 ha fatto registrare, per l’Italia, un’anomalia di +1,3 gradi al di sopra della media del periodo di riferimento convenzionale, 1971 – 2000, chiudendo come il quarto più caldo dal 1800 a oggi, pari merito agli anni 2001, 2007 e 2016. Più caldi del 2017 sono stati solo il 2003 (con un’anomalia di +1,36 gradi), il 2014 (+1,38 gradi rispetto alla media) e il 2015, che resta l’anno più caldo di sempre, con i suoi +1,43 gradi al di sopra della media del periodo di riferimento”.

Tag utilizzati:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *