What’s New in Italy
Mostra del Gelato Artigianale: Longarone, tutelarci a livello europeo

Mostra del Gelato Artigianale: Longarone, tutelarci a livello europeo

La 58esima edizione di Mig vede la presenza di 230 marchi, con la rappresentanza di 16 Paesi esteri. Il coro unanime: "Il gelato artigianale non è come quello industriale"

Tutti gli amanti del gelato italiano a Longarone, per la 58esima edizione della Mostra del Gelato Artigianale (Mig). Investitori e autorità sono venute fin qui da Brasile, Belgio, Camerun, Spagna, Kazakistan, Azerbaigian, Polonia, Repubblica Ceca, Croazia, Ungheria e Marocco. A tagliare il nastro anche il governatore della Regione Veneto, Luca Zaia.

Il numero uno dell’Ente fiera, Giorgio Balzan, dice: “Il marchio Mig sempre più esporta il made in Italy nel mondo. In questi mesi siamo stati in Sud America, nella principale fiera del turismo a Londra, in Slovenia e, presto, con la Regione saremo a Berlino. Questa è la forza del mondo del gelato artigianale che, conservando la sua tradizione, continua comunque a rinnovarsi. Non stupisce, quindi, che ci siano ben 230 marchi presenti quest’anno in Fiera, con la rappresentanza di 16 Paesi esteri”.

Di Mig “casa dei gelatieri” ha parlato il sindaco e presidente della Provincia Roberto Padrin: “Dobbiamo essere tutti orgogliosi. Sono partiti dalle nostre terre e ci hanno reso famosi in tutto il mondo. I giovani dovrebbero imparare da loro la passione e l’arte di una storia che nessuno potrà mai portarci via”.

Il neo presidente di Artglace (Confederazione dei gelatieri italiani in Europa), Filippo Bano, aggiunge: “La sfida è quella di tutelarci a livello europeo. Il consumatore deve sapere quello che mangia, come si fa con normative precise in Germania, ma non negli altri Paesi dove non c’è distinzione con il gelato industriale, che è tutta un’altra cosa. Dobbiamo tutti fare sistema, come quando abbiamo raggiunto il prestigioso traguardo della creazione della giornata europea del gelato”.

Ci sono state poi le premiazioni. Il 22esimo premio ‘Maestri Gelatieri’ è andato a Ignazio Di Maio, di Napoli e trapiantato in Belgio; a Liegi ha aperto una gelateria più di 40 anni fa e dedica il suo impegno e la sua passione nell’Associazione dei gelatieri francofoni. Riconoscimento pure per la famiglia Vivoli che, da quattro generazioni, ha una gelateria tra le più apprezzate a Firenze, sopravvissuta all’alluvione del 1966. Il quinto premio ‘Innovazione Mig Longarone Fiere’ è stato invece assegnato all’azienda pesarese Ifi Spa grazie al progetto ‘Gelato Popapp’, un laboratorio per la gelateria portatile.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *