What’s New in Italy
Cargo aereo: Milano Malpensa capitale italiana

Cargo aereo: Milano Malpensa capitale italiana

Dal 2012, Milano ha avuto un incremento medio del 7,2 per cento nel trasporto merci. Malpensa è il principale scalo italiano e uno dei più importanti del Sud Europa

Milano è la capitale del cargo aereo. Dal 2012 ha avuto una crescita costante, con un tasso di incremento medio del 7,2%. Malpensa, con 580 mila tonnellate trasportate ogni anno, è il primo scalo italiano per traffico cargo nonché uno dei principali del Sud Europa.

Giulio De Metrio, chief operating officer di Sea, precisa: “In cinque anni, le tonnellate di merci trasportate qui sono aumentate del 40 per cento, più 7,5 rispetto al 2016, ed è sempre più la porta del made in Italy nel mondo. Da qui passa il 55 per cento del totale di tonnellate di merci trasportate in Italia”.

Sea è la società che gestisce gli aeroporto milanesi. Quando le nuove strutture in costruzione saranno ultimate, la capacità annuale dell’aeroporto aumenterà da 600 mila a oltre un milione di tonnellate per anno. Del resto, oltre il 60 per cento dei prodotti italiani destinati alle esportazioni viene realizzato nel raggio di 250 chilometri da Malpensa, dove hanno la loro sede il 40 per cento delle imprese nazionali, che rappresentano quasi la metà del Pil del Paese.

Il valore delle merci esportate per via aerea da Milano Malpensa verso i Paesi Extra Ue, nel 2016, è stato di 26 miliardi di euro, con una quota del 13 per cento sul totale delle merci esportate dall’Italia con tutte le modalità di trasporto; il valore delle importazioni via aerea da Paesi Extra Ue è stato di 17,3 miliardi (11,6% sul totale Italia). L’obiettivo prossimo è aumentare la quantità di merce trasportata sui voli passeggeri, in particolare nelle tratte intercontinentali. Al momento, il 65 per cento delle merci che passa da Malpensa utilizza voli cargo, il restante 35 per cento viaggia nelle stive dei voli passeggeri. Il valore ottimale sarebbe 50 e 50.

Roberto Maroni, governatore lombardo, conferma: “Gli aeroporti della Lombardia rappresentano quasi i due terzi del traffico cargo nazionale ed è nostro interesse capire cosa si possa fare di più e di meglio per contribuire al lavoro di squadra su questo comparti”. La Regione è al lavoro con Anas e Rfi per completare i collegamenti ferroviari, come “il T2 con Gallarate, che consentirà a Malpensa di diventare un punto di riferimento anche dal punto di vista del trasporto ferroviario con tutto il Nord Europa. Tra poche settimane aprirà anche l’Arcisate – Stabio e, se arriverà il via libera da Roma su Pedemontana, andremo avanti anche su questa importantissima opera”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *