What’s New in Italy
Arte: i Musei Vaticani sbarcano in Cina

Arte: i Musei Vaticani sbarcano in Cina

A marzo 2018 previsto uno scambio di mostre nel nome della bellezza

Per la prima volta i Musei Vaticani realizzano uno scambio per la Cina. Nel 2018 in collaborazione con il China Culture Industrial Investment Fund saranno infatti organizzate due mostre, che nel nome dell’arte rappresentano anche un avvicinamento tra due realtà molto distanti tra loro e tra le quali non mancano i motivi di contrasto.

A partire da marzo 2018 sarà realizzata prima a Pechino e poi in altre città cinesi (Xi’an, Xiamen e Shangai) la mostra ‘La bellezza che ci unisce: il viaggio nella meravigliosa armonia tra il popolo cinese e i Musei Vaticani’, nella quale saranno esposti 40 pezzi della collezione etnologica Anima Mundi dei Musei Vaticani. Si tratta di opere in bronzo, statue in pietra, dipinti, quadri con rappresentate scene cristiane tratte dalla vita di Gesù, lavori realizzati al tempo della dinastia Tang (618-907); tra le opere esposte anche il dipinto ‘Cradling Arms’ donato al Papa dal pittore Zhang Yan. A Pechino la mostra sarà ospitata nella Città Proibita, dimora imperiale per 500 anni.

Nello stesso periodo ai Musei Vaticani si svolgerà la mostra ‘Anima mundi: human, nature and harmony’, composta da 40 lavori tra cui figurano anche 12 dipinti del cinese Zhang Yan tra cui ‘Iron Staff Lama’. Il pittore ha spiegato che “si tratta di opere che hanno per tema il rapporto con la natura e la religione. Rappresentano un sincero omaggio di amicizia al Papa. La montagna sacra, in particolare, è simbolo di incontro, dialogo e civiltà. ‘Iron Staff Lama’ appartiene al gruppo di lavori iniziati nel 1993 durante il mio viaggio in Tibet e che alludono a un’umanità capace di andare avanti nonostante un mondo così confuso”.

Tag utilizzati:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *